Donne, streghe ed erbe magiche

Festa della donna. Streghe della serie TV8 marzo, festa della donna. La strega erborista bruciata sul rogo è una delle immagini più diffuse, quando si pensa a che cosa lega donne e ambiente. Ancor oggi in molte riviste si legge che è possibile stregare un uomo, prenderlo per la gola, speziando i cibi in modo afrodisiaco. Questo è il retaggio di secoli di familiartità con le erbe, che le donne raccoglievano mentre gli uomini andavano a caccia.

Poi qualcosa andò storto: qualcuno pensò che si sarebbero potuti far dei bei soldi con il mercato delle spezie orientali, controllabile da potenti organizzazioni di mercanti e bisognava "bruciare" la concorrenza locale, deprecando le erbe selvatiche a favore di quelle di importazione.
A pagarne le spese furono le streghe.

Donne e natura: miniatura di streghe medioevaliNell'altopiano dello Sciliar hanno studiato i cartigli dei processi, arrivando a ricostruire la pomata magica che permetteva alle streghe di volar fino ai sabba. Trattasi di una pozione capace di anestetizzare i recettori cutanei, per cui, spalmandosene completamente, l'impressione che se ne ricava è di essere nudi e di volare. Probabilmente le streghe si sono sognate tutto il viaggio.

Il 1o aprile prossimo, ad Arona, sul lago Maggiore, ci sarà una conferenza sulle streghe in provincia di Novara. Ho già sentito l'oratore parlare e quello che ha sostiene ribalta le credenze più diffuse: la Chiesa ha mandato al rogo assai meno donne dei tribunali civili, cosa che spingeva le detenute a chiedere a gran voce il giudizio ecclesiastico.

» La conferenza sulle streghe di Novara

» Strega dello Sciliar abbattuta in volo

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: