ECOGuard raccolta e riciclo dei piccoli elettrodomestici

Ecoped e Ridomus per Ecoguard

Il Progetto ECOGuard nasce dall’esperienza del sistema dei Consorzi nazionali ECOPED – RIDOMUS, leader nel trattamento di piccoli elettrodomestici e climatizzatori.

All’origine del progetto la volontà dei soci di realizzare una reale ed efficace azione preventiva con l’obiettivo di avvicinarsi sempre più alla condizione di “RISCHIO ZERO” grazie alla riduzione dell'impatto ambientale, alla massimizzazione del riciclo e all'etica e sicurezza sul lavoro.

Il disciplinare ECOGuard creato dai Consorzi ECOPED – RIDOMUS in collaborazione con TUV Sud, per descrivere gli indicatori di performance di un efficace filiera, attraverso la totale tracciabilità, standard comprovati e piani di controllo interni ed esterni.

Le fasi del progetto sono:


  1. Il trasporto, sempre eseguito con le migliori misure per garantire il recupero ottimale dei prodotti RAEE e il minor impatto ambientale.
  2. Lo stoccaggio, scelto secondo precisi parametri per garantire efficienza ed affidabilità e ridurre i rischi di manomissione o dispersione nell’ambiente.
  3. Il trattamento selettivo, necessario per preparare le diverse frazioni contenute nei RAEE e successivamente inviarle per essere effettivamente riciclate in appositi impianti di trattamento e raffinazione finale qualificati e selezionati.
  4. Il trattamento finale, il vero cuore del Sistema Ecoped – Ridomus, e del progetto ECOGuard. Le attività svolte dai partner sono caratterizzate da un elevatissimo contenuto tecnologico e rendono possibile il riutilizzo delle frazioni, senza ulteriori lavorazioni, nell’ambito di nuovi cicli produttivi, come materie prime seconde (MPS) incrementando l’efficacia della gestione delle risorse naturali.

I vantaggi di questo ''trattamento'' dei piccoli elettrodomestici e condizionatori sono:


  • Qualità del riciclo per un sempre più efficace riutilizzo delle risorse naturali
  • Creazione di network di eccellenza


  • Sicurezza totale e serenità per il cittadino
  • Creazione di un sistema virtuoso di “closed loop production”
  • Riduzione dell’impatto ambientale


  • Massimizzazione del recupero
  • Sviluppo di competenze e di standard condivisibili
  • Continuo innalzamento degli standard qualitativi del servizio offerto alla collettività


  • Nuovi posti di lavoro nell’industria del riciclo
  • Allineamento di tutti gli attori ad un sistema di produzione e consumo sostenibili

Foto | Ecoped-Ridomus

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: