Moria di tortore a Faenza causata forse da un mix di virus e pesticidi

Tortore morte a civitanova marche: foto cronache maceratesi E' l'Istituto zooprofilattico sperimentale Bruno Ubertini, a rilasciare le prime indicazioni sulle cause che potrebbero aver causato la morte di 400 tortore a Faenza. Ma le morie sono state segnalate anche a Modena, Caserta e Civitanova Marche.

Nel comunicato stampa si legge:

Dai primi risultati emersi dalla analisi è possibile escludere il coinvolgimento di forme batteriche in particolare di Salmonellosi (frequente in tale specie) e di altre forme setticemiche acute. Gli esami virologici eseguiti su circa 70 campioni hanno previsto sia l'isolamento con metodi tradizionali, mediante l'inoculo di uova embrionate di pollo SPF come previsto dalle Normative in vigore, che analisi di tipo biomolecolare (PCR) direttamente sulle matrici prelevate. Le PCR al momento già eseguite su singoli animali (40 campioni) hanno permesso di verificare la positività in ogni animale campionato di Paramyxovirus aviare di tipo 1 confermata poi con l'isolamento nelle uova inoculate. I ceppi isolati di Paramyxovirus aviare di tipo 1 sono già stati inviati al Centro di Referenza Nazionale di Padova per la tipizzazione e la verifica dell'indice di patogenicità. Tramite esami virologici tradizionali e PCR Realtime inoltre, è stata esclusa la presenza di virus dell'influenza aviaria.

Insomma il solo virus conosciuto anche come morbo di Newcastle sembra non essere una causa sufficiente a giustificare la morte degli uccelli. All'Istituto ora indagano sulla presenza di pesticidi:

Gli esami tossicologici e chimici volti ad escludere la presenza di pesticidi, neonicotinoidi e micotossine, sono attualmente in corso e nei prossimi giorni si avranno i risultati che permetteranno di avere un quadro più completo della situazione. Le ipotesi diagnostiche che riguardano la compartecipazione di più concause sono ancora in fase di approfondimento, così come la potenziale associazione di elementi, anche di natura alimentare, che potrebbero essere responsabili di particolari problemi tossico/metabolici e/o di immunodepressione predisponenti la comparsa di questo quadro particolarmente acuto in tale specie aviare.

Foto | Cronache maceratesi

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: