Seguici su

Informazione

Tetto verde: il caso Ford Dearborn


Concludiamo i post dedicati alla visita degli stabilimenti Ford di River Rouge Dearborn, con qualche considerazione sul tetto verde, grazie anche al commento del nostro lettore David37 in merito alle coperture degli stabilimenti Lamborghini e Ferrari. Per iniziare diamo allora qualche numero, tanto per dare l’idea di quanto sia vasto questo impianto nato nel 1917 e che già negli anni ‘30 dava lavoro a 100.000 operai. Il perimetro dell’area è di 2,4 per 1,6 km, al cui interno trovano posto 93 edifici i quali occupano a loro volta 1,3 km quadrati. Non neghiamo allora il fatto che il progetto “green” ed il contemporaneo orizzonte di ciminiere e capannoni, lasci comunque riflettere.

Detto questo, è comunque interessante il tentativo effettuato da Ford. Ci siamo infatti trovati di fronte al tetto verde più esteso al mondo: 42.000 metri quadrati (454.000 ft2), ovvero un centinaio di campi da basket. In particolare, si tratta di una copertura costituita da vegetazione posata su un materiale poroso. Iniziato nel 2003, il progetto è ambizioso ed è studiato come esempio: abbiamo trovato tutti i dettagli su GreenRoof. Come già accennato negli altri post, l’azienda non nasconde affatto il voler far profitto e ci tiene a sottolineare che i costi della copertura sono recuperati tramite risparmi sui consumi.

Gli obiettivi di questo sistema sono diversi. Il tetto verde può assorbire fino a 151 milioni di litri (4 milioni di galloni) d’acqua piovana che può essere riutilizzata. In caso di tempeste e nubifragi, il tetto poroso permette che l’acqua non venga immessa immediatamente nelle condutture, contribuendo ad evitare i fenomeni devastanti che conosciamo bene anche noi. Insolazione naturale: il tetto verde riduce l’utilizzo degli impianti di condizionamento dell’aria e protegge dai raggi UV. Durata: secondo Ford, il proprio sistema dura il doppio rispetto alle coperture tradizionali.

Tetto Verde Ford
Tetto Verde Ford
Tetto Verde Ford
Tetto Verde Ford


Purtroppo nelle foto il verde è coperto dalla neve, ed è difficile notare la sua estensione. Proprio l’ampiezza ed il fatto che sia economicamente vantaggioso anche negli Stati Uniti, dove l’energia elettrica ha un costo minore che in Europa, ci ha convinto della bontà del progetto. Come già scritto, il solo tetto verde o anche il risparmio di risorse naturali, non cancella la contraddizione con il panorama circostante della fabbrica. Se però questo esperimento funziona, e da quello che abbiamo potuto capire funziona davvero, c’è da chiedersi quali resistenze (economiche, burocratiche, di investimenti o semplicemente pigrizia mentale) abbiano gli industriali ed imprenditori europei nel proseguire sulla stessa strada.

Tetto Verde Ford
Tetto Verde Ford
Tetto Verde Ford
Tetto Verde Ford
Tetto Verde Ford
Tetto Verde Ford
Tetto Verde Ford
Tetto Verde Ford
Tetto Verde Ford
Tetto Verde Ford
Tetto Verde Ford
Tetto Verde Ford

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa