Seguici su

Biciclette

Caserta, sognare nuove piste ciclabili costa 500mila euro

Questa che vi vado a raccontare è la storia di un sogno che spero sinceramente si tramuti in realtà. Il sogno in questione, battezzato “Caserta Città Ciclabile” se si vuole non è neanche carissimo: 500mila euro per portare su Caserta 40km di nuove piste ciclabili, rastrelliere per il parcheggio delle bici e stazioni di scambio per il bike sharing (a sinistra un rendering).

Il progetto, è stato ideato dall’associazione Casertainbici- Fiab , presieduta da Alessandro Apperti, assieme al Comune di Caserta (l’ente oggi è commissariato e è intervenuto Antonio Ciontoli ex assessore alla Mobilità che ha sostenuto l’iniziativa) che vi parteciperà al 20%. Il tutto però è nelle mani del Ministero dell’Ambiente che ha a disposizione 14 milioni di euro da girare agli enti. Il bando scaduto lo scorso aprile, era nazionale e ovviamente vi hanno partecipato moltissimi comuni, ma da allora il silenzio è calato sui fondi.

Dunque ieri, per dare un segnale di vita almeno sui media, è stata organizzata la conferenza stampa che ha presentato il progetto: ho visto, che parallelamente alla Ztl ci potrebbero essere corsie riservate ai ciclisti; ho visto le stazioni di bike sharing per 50 biciclette a pedalata assistita accanto ai tre parcheggi principali della città, così da consentire a chi entra in città di posare l’auto e di prendere la bici; ho visto i parcheggi per 200 biciclette, rastrelliere comode, nei punti più necessari, incluso davanti la stazione Fs. Ma purtroppo i soldi sono nelle mani del Ministero che ancora non ha espresso la graduatoria di assegnazione.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa