Capannori, consegnate cinque nuove case passive e popolari

Case popolari bioedilizia marlia

Possono essere le case di edilizia popolare anche energeticamente efficienti? Certamente si se sono progettate come tali. E non è detto che costino molto più di quelle costruite senza applicare i principi della bioedilizia.

A Capannori (che ben conosciamo per la sua capacità di arrivare all'80% di raccolta differenziata), in provincia di Lucca, frazione Marlia, sono stati consegnati cinque appartamenti costruiti per risparmiare energia. Tre appartamenti sono di 75 mq mentre due sono di 60 mq, sono stati costruiti solo con materiali della bioedilizia e sono Classe energetica A+. Il che vuol dire, come scrive Lo Schermo:

ciò significa che gli appartamenti 'consumano' meno di 23,48kWh/m2 all'anno contro i circa 160 kWh/m2 della media delle abitazioni italiane. Il loro fabbisogno energetico, in pratica, risulta più di sei volte inferiore a quello medio. Per la sua costruzione Erp, che si è occupata anche della progettazione, ha ottenuto un finanziamento di circa 900.000 euro dalla Regione Toscana e ha operato su un terreno di proprietà comunale.

Le strutture sono antisismiche; è stato usato legno da foreste certificate, mentre un impianto geotermico assicura il riscaldamento; i pannelli solari, a cui viene in aiuto una caldaia da 34 kW, garantiscono l'acqua calda. Infine a ogni appartamento è stato assegnato giardino e 2 posti auto e noi speriamo che chi ci abiterà userà il meno possibile l'automobile in favore della bicicletta.

Foto | Lo schermo su cui trovate una gallery dell'inaugurazione

  • shares
  • Mail
17 commenti Aggiorna
Ordina: