Seguici su

Associazioni

Nucleare nel mondo: secondo il Wwf è tanto, ma non così significativo

Riprendendo i dati ufficiali della Iaea il Wwf ha ricapitolato la situazione del nucleare nel mondo: quante centrali, quanti reattori, quanti MW, dove. E quante se ne stanno costruendo ancora. E fatte due somme secondo l’associazione ambientalista il nucleare, Francia esclusa, non è essenziale in nessuna parte del mondo.

In totale i reattori nucleari censiti sono 442 per 375.001 MW totali mentre quelli in costruzione sono 65 per 62.862 MW. A queste si devono aggiungere gli impianti di Taiwan che non rientrano nell’elenco Iaea. Interessantissimo andare a vedere l’età delle centrali sparse per il pianeta: la maggior parte hanno tra i 22 e i 40 anni. Una ne ha addirittura 44.

Quanta energia producono questi impianti nucleari in proporzione al totale? Il Wwf risponde:

Il Paese che maggiormente dipende dall’energia nucleare è la Francia che con i suoi 58 reattori copre circa il 76% del fabbisogno nazionale. Ma provando a verificare l’incidenza del nucleare nei Paesi del cosiddetto G20 (che rappresentano il 90% del PIL mondiale ed i due terzi della popolazione), si ha l’evidenza di come la presenza dell’’energia nucleare non sia sinonimo di crescita economica, neppure nell’ambito dei Paesi del cosiddetto G8 […] in Canada l’energia nucleare (18 reattori operativi e nessuno in costruzione) copre il 14,8% del fabbisogno nazionale, in Germania (17 reattori operativi e nessuno in costruzione) il 28,8%, in Giappone (54 reattori ed 1 in costruzione) il 24,9%, in Inghilterra (19 reattori e nessuno in costruzione) il 13,5%, in Russia (31 reattori e 9 in costruzione) il 16,9%, negli Stati Uniti (104 reattori ed 1 in costruzione) la percentuale di energia garantita dal nucleare è pari al 19,7%.

Allargando agli altri Paesi del G20 abbiamo l’Australia, l’Arabia Saudita, l’Argentina, l’Indonesia, e la Turchia, che non producono energia nucleare; il Brasile (2 reattori e nessuno in costruzione) che copre con il nucleare il 3,1% del fabbisogno energetico nazionale; la Cina (11 reattori operativi, 20 in costruzione) copre il 2,2%; la Corea del Sud (21 reattori operativi e 5 in costruzione) copre il 35,6%; l’India (18 reattori, 5 in costruzione) il 2%; il Messico (2 reattori e nessuno in costruzione) copre il 4,0%; il Sud Africa (2 reattori, nessuno in costruzione) copre il 5,3%; la Spagna (8 reattori e nessuno in costruzione) copre il 18,3%; infine Olanda (1 reattore, nessuno in costruzione) copre il 3,8%

Via | Wwf
Foto | Flickr

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa