Striscia la Notizia e Fotovoltaico, risponde l'Aspo

Striscia la Notizia e Fotovoltaico, risponde l\'Aspo

Molti di voi avranno visto la puntata di venerdì sera di Striscia la Notizia, nella quale la squadra di Ricci risponde alla pioggia di critice ricevute dopo aver mandato in onda il sedicente esperto di energia (un imprenditore amico dello stesso Ricci, divenuto famoso per aver inventato la giacca luminosa e le scarpe a motore) che spiega come sia facile mettere in atto una truffa fotovoltaica.

Qualcuno avrà notato anche che, poco prima della puntata (preceduta da un comunicato stampa ufficiale di Striscia) ho stimolato il dibattito con una mia piccola esperienza personale (un video censurato da Mediaset ed Rti nel quale facevo vedere come Striscia e Vittorio Sgarbi avessero sostanzialmente mentito su un parco fotovoltaico in Sicilia). Qualcun altro avrà anche notato che da venerdì non abbiamo toccato più la questione su Ecoblog.

Partiamo da quest'ultima questione: poiché qui c'è gente che crede che le energie rinnovabili siano una cosa seria, affrontare la questione mettendo in mezzo Sgarbi o l'inventore della giacchetta a fibre ottiche non è molto edificante. Si spera in un pronunciamento da parte del Gse o dell'Autorità dell'Energia.

Per quanto riguarda la risposta di Striscia, invece, un po' tutti avranno notato che Ricci e i suoi se la sono presa con l'Espresso (testata con la quale hanno in corso una querelle a dir poco puerile su chi sia più femminista, questione di veline). L'Espresso, in questo caso, è una fonte di terza mano visto che riporta (citandolo) un post del blog del Popolo Viola che a sua volta riporta (non citandolo) un post del blog dell'Aspo.

Ebbene, andando al sodo, Striscia si è guardata bene dallo smentire l'Aspo Italia (associazione formata da scienziati) preferendo prendersela con una testata che reputa "ostile". Siccome su Ecoblog siamo abituati a citare le fonti (le trovate in tutti i nostri post, nel "Via") mi sembra quanto meno doveroso riportare la risposta dell'Aspo alla puntata "autoassolutoria" di Striscia la Notizia. Eccone uno stralcio, il resto come al solito nel Via:

Devo dire che il nuovo serivzio autoasslutorio è, se possibile, perfino peggiore di quello “incriminato”.

In esso si mostra come, secondo il sedicente “esperto”, con un paio di fili si potrebbe “taroccare”, ingannandolo, il contatore che misura l’energia prodotta da un impianto fotovoltaico e quindi truffare pesantemente, lucrando su energia mai prodotta. Non voglio scendere in dettagli tecnici ma invito a considerare due fatti.

1)Il sistema proposto prevede sostanzialmente di connettere in modo DIRETTO il contatore in ingresso con quello in uscita. in questo modo abbiamo un assorbimento, ad esempio di 1100 Watt che viene riversato, come se fosse produzione fotovoltaica, nel contatore in uscita. La cosa, ovviamente, è ridicola e destinata ad essere scoperta in tempi MOLTO brevi. Per un motivo molto semplice.

2) I contatori recenti, e quelli degli impianti fotovoltaici, per ovvi motivi, lo sono, sono tutti in grado di operare in telemisura.

In altri termini: non c’e’ bisogno di un esperto che venga e verifichi la truffa sul campo. Essa può essere scopertà in modo automatico, semplicemente incrociando i dati, in telemisura, di contatore in entrata e contatore in uscita.

La truffa, quindi, cosi come mostrata, è del tutto puerile e corrisponde, più o meno ad evidenziare come le banche possano mettere a rischio i vostri beni/risparmi lasciati in custodia, lasciando aperta la porta sul retro e/o disinserito il sistema di allarme

Via | Nuove Tecnologie Energetiche

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: