Seguici su

Associazioni

Comuni Rinnovabili 2011: Legambiente dà le pagelle ai comuni italiani


E’ uscita l’edizione 2011 di “Comuni Rinnovabili”, consueto dossier di Legambiente che raccoglie i dati sulla produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili nei comuni italiani. Come al solito si tratta non di tutti i comuni d’Italia, ma di quelli che hanno avuto la sensibilità di fornire i dati rispondendo al questionario inviato dall’associazione ambientalista. I risultati? Buoni e prevedibili:

Sono 7.661 i Comuni in Italia dove si trova almeno un impianto. Erano 6.993 lo scorso anno, 5.580 nel 2009. In pratica, le fonti pulite che fino a 10 anni fa interessavano con il grande idroelettrico e la geotermia le aree più interne, e comunque una porzione limitata del territorio italiano, oggi sono presenti nel 94% dei Comuni

Si conferma il ritmo di crescita notevole dei comuni italiani, come mostra la tabella che vedete dopo il salto:

La crescita delle rinnovabili in Italia

Praticamente nel 2006 le rinnovabili in Italia non esistevano, ora iniziamo ad avvicinarci agli obblighi europei sia per i contestatissimi impianti eolici e fotovoltaici (ai quali il governo ha già pensato con l’apposito decreto “ammazza rinnovabili”) sia per il solare termico (al quale il governo ha già pensato diluendo le detrazioni fiscali del 55%).

A fronte di questi dati, della conseguente occupazione e ricchezza generata, del risparmio energetico prodotto rispetto alla produzione da fonte fossile, ancora tutti attendiamo che il governo italiano pubblichi le nuove tariffe incentivate per le rinnovabili: le due settimane promesse dal ministro Romani sono scadute.

Via | Legambiente
Foto | Flickr

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa