Oggi è il giorno dello "sciopero solare": Cgil, Cisl e Uil con gli industriali del fotovoltaico contro il ministro Romani

Oggi è il giorno dello Giornata importante, quella di oggi, per l'ambiente in Italia. Primo appuntamento, alle 11:00 di fronte al Ministero dello Sviluppo economico di Paolo Romani, sarà lo "sciopero solare": Cgil, Cisl e Uil, insieme a molte associazioni di industriali dell'energia fotovoltaica (ci sarà anche il Gifi?) per dire no all'abbassamento degli incentivi statali del conto energia.

Sempre in mattinata dovrebbe essere resa pubblica la bozza definitiva (che già dalla tarda serata di ieri circola tra le notizie di agenzia) degli incentivi. Dovrebbe essere discussa durante la Conferenza Stato-Regioni, che si riunisce proprio oggi con due dozzine di argomenti all'ordine del giorno, dai trapianti di organi sui pazienti malati di Aids al trasporto dei rifiuti radioattivi.

E, a proposito di radiazioni, il Senato voterà il famoso decreto "Omnibus" che finge di chiudere la partita del nucleare. Sempre da voci di agenzia di ieri sera si apprende che il fatidico emendamento che abroga le recenti norme sul ritorno al nucleare potrebbe addirittura sparire. Improbabile, ma è un evidente segno che si naviga a vista e si va per annunci. Prontamente smentiti...

Via | Conferenza Stato Regioni
Foto | Ministero Sviluppo economico

  • shares
  • Mail