Decreto fotovoltaico: le regioni, il sottosegretario Saglia e il ministro Prestigiacomo

Decreto fotovoltaico: le regioni, il sottosegretario Saglia e il ministro Prestigiacomo
Rinnovabili, fotovoltaico e quarto Conto energia: si naviga a vista. Dopo la bocciatura rimediata ieri in Conferenza Stato-Regioni dal ministro Paolo Romani per il suo decreto "ammazza rinnovabili" che stronca gli incentivi statali, seriamente non si capisce che fine farà il settore in Italia.

Lo stesso Romani aveva annunciato che il decreto lo firmava lo stesso, infischiandosene del parere dei governatori. A quanto pare ancora non ha avuto il coraggio di farlo. Forse perché, nel frattempo, si è espresso in maniera assai divergente il sottosegretario all'Energia, Stefano Saglia:

Il decreto ministeriale su fotovoltaico e solare si può modificare, oppure farne un altro ex novo

Tradotto: Paolino vacci piano che non decidi da solo. Poi si è espressa anche la governatrice del Lazio, Renata Polverini, che ha ipotizzato nuove "linee guida regionali":

c'e' stata una chiusura totale da parte del governo e dunque il parere delle Regioni non poteva che essere negativo. Le Regioni dovranno comunque attrezzarsi con delle linee guida. Credo che le linee guida siano necessarie e il Lazio, d'intesa con le Province, provera' a definirle

Tradotto: vado avanti io che se aspetto voi facciamo notte. E Stefania Prestigiacomo? Prende tempo, ma non troppo:

Bisogna uscire con un accordo con le Regioni perché il decreto deve essere assolutamente 'sfornato' entro la settimana. Le questioni di fondo sono state tutte risolte. Ora ci sono dei piccoli aspetti che bisogna approfondire

Tradotto: ho subito sto decreto fino a mo', che fretta c'è adesso?

Via | Conferenza Stato-Regioni
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail