Il riscaldamento globale fa aumentare i prezzi del cibo

Il riscaldamento globale impatta sui prezzi del grano
La rivista scientifica Science ha pubblicato uno studio che lega l'aumento dei prezzi del cibo degli ultimi anni agli effetti del riscaldamento globale. Gli aumenti della temperatura riducono la produzione di queste materie prime con un'inevitabile ricaduta sui prezzi che, cercando di tenere presente che si tratta di fenomeni che hanno effetti globali, finiscono per divenire decisivo acceleratore per l'instabilità politica nelle regioni più povere del mondo. Questo senza considerare la crescita esponenziale degli affamati del terzo mondo, i primi ad essere colpiti da una variazione positiva del prezzo del grano.

I cambiamenti climatici, secondo questo studio, hanno avuto un impatto negativo sulla produzione del grano e del mais quantificabile fra il 3% e il 6% nelle ultime tre decadi. Questa riduzione, combinata con l'aumento della domanda e i fenomeni speculativi, ha portato ad un aumento medio dei prezzi del 20%. Il climate change ha di fatto assorbito un decimo di quanto il progresso nelle tecniche di coltivazione avrebbe permesso di raggiungere in termini di aumenti dei raccolti.

Il paese maggiormente colpito è la Russia dove l'aumento delle temperature e le variazioni della piovosità hanno portato un -15% nella produzione di grano. Gli studiosi della Stanford University e della Columbia University hanno evidenziato che questa riduzione equivale all'intero raccolto di un paese come la Francia, il più grande produttore dell'Unione europea. Per ridurre questi effetti negativi si possono adottare delle contromisure, ma di fatto i modelli mostrano che senza i cambiamenti climatici la produzione sarebbe potuta aumentare attenuando l'aumento dei prezzi connesso portato dalla crescita della domanda.

[Via | Euroactiv]

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: