Marcia anti OGM a Vienna

marcia contro le coltivazioni ogmMercoledì 5 aprile, a Vienna, si ritroveranno tutte le realtà europee che dicono no al transgenico: regioni europee ogm-free, associazioni, contadini e consumatori consapevoli. L'idea è quella di manifestare il proprio dissenso con una marcia contro la convivenza forzata tra ogm, agricoltura convenzionale e biologica, di cui avevamo parlato qualche tempo fa anche su ecoblog (distanze tra campi ogm e non-ogm, discussione sugli ogm, ogm superbiologici). In particolare si manifesterà contro le pressione del governo USA all'Europa perché favorisca le coltivazioni transgeniche.

Ho dato una letta alle dichiarazioni di Daniel Fried, Assistente Segretario di Stato per gli Affari Europei, rilasciata alla Commissione della Camera per le Relazioni internazionali, Sottocommissione per gli affari europei e le minacce emergenti che pare abbia dichiarato: "la Comunità Europea ha sancito una moratoria “de facto” sui prodotti OGM, in contrasto con le normative del WTO. Riteniamo sia importante che la Comunità Europea si conformi agli obblighi, al fine di produrre colture transgeniche nei tempi stabiliti, osservando principi di trasparenza e scientificità nello svolgimento delle analisi."

Mi sono poi "leggermente alterata" leggendo, sempre nella stessa dichiarazione, che "Il clima e la sicurezza energetica sono problematiche strettamente legate alle questioni commerciali. Stiamo lavorando intensamente per attirare l’attenzione europea sul clima." Come sarebbe a dire che VOI attirate la NOSTRA ATTENZIONE sul clima? Forse non vi ricordate chi sono i Paesi che non hanno firmato il protocollo di Kyoto?

  • shares
  • Mail