Francesi incazzati con i tedeschi per l'uscita dal nucleare. E gli italiani ci intingono il biscotto

francesi incazzati con i tedeschi per l\'uscita dal nucleare

Stimolata dai vostri commenti sono andata a approfondire la questione del calo del PIL tedesco. Come possibile causa viene indicata dal Corriere l' uscita dal nucleare della Germania. L'articolo del Corriere da voi citato riprende (con comodo) un po' quanto scritto dalla stampa estera, 24h prima. La notizia di prima mano nonché fonte è del 1° settembre e arriva dal Destatis, l'Ufficio federale delle Statistiche in merito al resoconto dell'andamento economico tedesco del secondo trimestre di quest'anno.

Un giorno prima del Corriere scrive La Tribune:

La moratoria delle sette più vecchie cenrali nucleari decisa da Angela Merkel all'indomani della catastrofe nucleare di Fukushima ha frenato sostanzialmente la domanda del secondo trimestre. E' questa l'opinione dell'Ufficio federale delle Statistiche contestualmente alla pubblicazione delle cifre del PIL da marzo a giugno.

Mi sono letta il comunicato stampa del Destatis (in inglese) ma la versione data è un bel po' diversa. Scrivono i tedeschi:

Ha avuto un notevole effetto la ritirata tedesca dal nucleare: poca esportazione e molta importazione per soddisfare la domanda. Nel trimestre di confronto il saldo delle esportazioni e delle importazioni ha avuto un impatto complessivamente negativo sul PIL (-0,3 punti percentuali). Il forte aumento delle importazioni, tuttavia, ha portato anche ad un livello più in alto delle scorte (contributo alla crescita del PIL: +0,7 punti percentuali). Nel complesso, vi è stato anche un aumento di investimenti fissi lordi.


Io ho solo capito che i francesi sono tremendamente incazzati con i tedeschi. L'uscita dal nucleare è una gran rogna politica. Interna, perché costringe (per ora) la Germania a prendere gas da Putin; Estera perché se la Germania potenza economica e industriale, dimostra di riuscire a andare avanti senza energia nucleare che speranza hanno in Francia di continuare a sostenere la loro economia sul nucleare? In effetti La tribunetrancia l'analisi concludendo che se la Germania non si sbriga a trovare alternative energetiche al nucleare avrà problemi di approvvigionamento.

In mezzo noi italiani, che un po' per interesse e un po' perché ci piace intingere il biscotto, la buttiamo in caciara e proviamo a sollevare improbabili discussioni e opinioni in questa mezza catastrofe economica che stiamo vivendo: siamo o no il Paese in cui ci sono, assieme a 60 milioni di CT, anche altrettanti Premier?

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: