Orti urbani sul pick-up, l'ortomania si fa strada a New York

trick farm orto su pick up

Piccoli orti urbani crescono... in posti inconsueti come il cassone di un pick-up. Lui è Ian Cheney, un residente di Brooklyn stanco di nascondersi dietro la solita scusa della mancanza di aree coltivabili a New York per non dare sfogo al suo pollice verde.

Cheney, di professione regista, si è trasferito a New York nel 2009 e non sapendo dove coltivare prodotti biologici, ha deciso di creare un orticello nel retro di un vecchio pick up, un orto-giardino ambulante a tutti gli effetti. Saranno contente le piante, di andarsene in giro per la Grande Mela a respirare un po' di smog, se non altro cambiano aria.

Certo i prodotti di questo orto on the road non potranno fregiarsi dell'etichetta km zero. Da questa esperienza, oltre ad erbe aromatiche ed ortaggi immediatamente disponibili, è nato però un film, Truck Farm, che ha vinto numerosi premi e si è meritato più di una menzione speciale ai festival del cinema ambientale di tutto il mondo.

Truck Farm oggi è anche un tour di sensibilizzazione sull'agricoltura urbana, un progetto educativo che coinvolge le scuole stimolando a luoghi e modi creativi di ritagliarsi un orto in città. E ci riesce benissimo, a giudicare dalla foto (in calce al post) che ritrae il primo classificato del contest lanciato da Cheney quest'anno.

bambino vincitore contest truck farm

Via | Truck Farm
Foto | Ecosalon; Truck Farm

  • shares
  • Mail