Censimento, perché l'Istat non conta anche gli animali domestici?

esclusi dal censimento istat gli animali

La domanda la pone Piero Villa presidente della Fda, Fondazione diritti animali che sul sito scrive:

Anche questa volta quelli dell’Istat si sono dimenticati di chiedere alle famiglie italiane una cosa semplice: avete animali che vivono con voi?
 Eppure spesso leggiamo sui giornali o sentiamo alla tv che nel nostro Paese ci sarebbero X milioni di cani e X milioni di gatti che vivono nelle famiglie… più i randagi, ma questa é un'altra storia.


La verità è che sono numeri sparati ‘a caso’… tanto chi li ha mai contati? Per i cani ci sarebbe l'anagrafe canina, ma il condizionale è d'obbligo visto che almeno nella metà del nostro Bel Paese non funziona. Quanto ai gatti il vuoto è cosmico.
La domanda sorge spontanea, a questo punto...chi dovrebbe contarli se non – appunto – l’ISTAT? E, soprattutto, quando dovrebbe contarli se non in occasione del Censimento? 


Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: