Un pezzo del Muro di Berlino e mille altoparlanti riciclati, la libertà sonora di Benoit Maubrey

muro sonoro casse riciclate

Casse riciclate, vecchi amplificatori e sintonizzatori in disuso, ammassati a creare un muro sonoro, simbolo della libertà d'espressione, antitesi del Muro di Berlino. E' Speaker Wall, l'opera dell'artista tedesco Benoit Maubrey, esposta al Forum des Arts Vivants di Angers, in Francia.

Gli altoparlanti circondano un pezzo del vero Muro di Berlino. Chiunque ha potuto telefonare alla scultura vivente e lasciare un messaggio in segreteria, emesso poi dalle mille casse che della barriera hanno solo la forma, dal momento che non ostacolano ma diffondono la comunicazione senza censura alcuna. I vecchi altoparlanti, destinati a tacere per sempre in qualche discarica, trasmettono le voci di un Muro riciclato, forte di mille identità: oltre 1800 le persone che hanno telefonato durante l'esposizione al Forum des Arts Vivants.

Via | Recyclart
Foto | Benoit Maubrey

  • shares
  • Mail