Meno carbone, più rinnovabili e lo dice Clini. C'è speranza per Porto Tolle?

Porto Tolle Leggo dal blog Togheverdi che potrebbero esserci buone prospettive per decarbonizzare l'Italia. Dopo la recente classifica redatta dall'EEA, l'Agenzia Europea dell'Ambiente in cui su 191 industrie che inquinano in Europa, 15 sono in Italia, sembra evidente che siano da prendere provvedimenti a tutela della salute pubblica e dell'ambiente.

E in questa direzione sembra muoversi il ministro Corrado Clini che ha detto:

Serve un partenariato che vada oltre il Protocollo di Kyoto tra economie sviluppate ed emergenti per un’economia globale de carbonizzata basata su regole condivise, la cooperazione tecnologica, misure e incentivi globali a favore di energie e tecnologie a basso tenore di carbone. L’aumento di domanda di energia può essere disgiunto dall’aumento delle emissioni sviluppando fonti energetiche a basso contenuto di carbonio a cominciare dalle rinnovabili.

Dunque potrebbe partire proprio da Porto Tolle e dalla riconversione a carbone che piace tanto al Governatore Zaia e a Enel. Offrire perciò consistenti e considerevoli alternative agli operai che desiderano solo lavorare potrebbe davvero essere il primo passo per la decarbonizzazione. Si chiede Stefania Divertito:

Saprà il ministro contrastare le lobby economiche che vogliono fortemente il progetto e che non hanno esitato a spingere un cambio della legge istitutiva della legge del Parco pur di consentire la conversione? Saprà mantenere fede a queste poche chiare parole?

Via | Togheverdi
Foto | Verdi Ferrara

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: