Dopo l'emergenza rifiuti a Napoli è guerra tra il Comune e le lobby degli inceneritori

tommaso sodano denuncia la lobby degli inceneritori

A Napoli non c'è nessuna emergenza rifiuti. Circostanza confermata anche dal ministro Clini lungo la sua passeggiata nella città partenopea l'altro ieri. Dunque piano piano Napoli cerca di scrollarsi di dosso l'immagine di città zozzona mettendo in moto il circolo virtuoso della raccolta differenziata e del riciclo. Anche senza i 6 milioni di euro nelle casse statali e non ancora sbloccati né dal vecchio e né dal nuovo governo. Le promesse attuali riferiscono di fondi Fas da destinare al progetto differenziata.

Ma a essere buoni è in atto una guerra. Spiega Tommaso Sodano vice sindaco e assessore all'Ambiente:

Siamo sotto ricatto delle lobby che vogliono gli inceneritori. Abbiamo risorse per arrivare fino a 500 mila abitanti ma mancano i soldi per arrivare all'intera città questo lo si può fare se si sbloccano i fondi che attualmente sono bloccati in sede nazionale e comunitaria.

Infatti, dopo aver ricevuto Corrado Clini ministro per l'Ambiente con il sindaco de Magistriis è stato aggredito all'uscita di palazzo San Giacomo (il video dopo il salto). E noterete che la forma è più simile a un avvertimento che non a una legittima protesta di cittadini.

Il ricatto a cui è sottoposta la città, va ben oltre quello denunciato da Sodano, ed è quello della camorra che ha tutto l'interesse a tenere in piedi il sistema emergenza rifiuti (sospesa lo scorso 11 novembre proprio da Sodano NdR), grazie alle infiltrazioni nella politica e nelle amministrazioni. Se volete conoscere la geopolitica degli affari della camorra nella munnezza basta leggere La Peste il libro di Sodano. Detto ciò l'Europa ha sospeso con una moratoria di due mesi il deferimento dell'Italia alla Corte di Bruxelles. Janez Potocnik è stato chiaro: non vogliono le magie ma la credibilità. Secondo il ministri Clini in visita a Napoli, servirebbe non l'esercito ma un inceneritore, proposta definita ultima ratio dall'Europa e sopratutto che non piace nè a Sodano e né a de Magistriis.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: