L'impatto del cambiamento climatico sui cuccioli di foca

cucciolo di foca

Le foche della Groenlandia (Pagophilus groenlandicus) si sono evolute, nel corso dei secoli, adattandosi alle oscillazioni dei ghiacci artici, dallo spessore, più o meno elevato, alla superficie totale, più o meno estesa.

Un recente studio, pubblicato su PLoS ONE, ha analizzato l'impatto dei cambiamenti climatici sulla popolazione di foche che vive nel Golfo di St.Lawrence, in Canada.

I ricercatori della Duke University e dell'International Fund for Animal Welfare hanno incrociato i dati di tre diversi studi per studiare la relazione tra strati di ghiaccio sempre più sottili ed i tassi di mortalità tra i cuccioli di foca.

Dal 1979 ad oggi la riduzione dei ghiacci artici è stata del 6% ogni dieci anni. Nel 2011 si stima che fino all'80% dei cuccioli di foca sia morto a causa della mancanza di ghiaccio.

L'IFAW chiede pertanto al Governo canadese di farla finita con la caccia alle foche, dal momento che non è più una misura necessaria per il contenimento della popolazione. E nemmeno commerciale, tanto più che l'UE, e da quest'anno anche la Russia, hanno bandito il commercio di pellicce di foca.

Via | PLoS ONE
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: