A volte ritornano, le tartarughe giganti Chelonoidis elephantopus alle Galápagos

tartaruga gigante Galapagos

Dopo il leopardo persiano in Afghanistan, un'altra specie che si credeva estinta da almeno 150 anni è stata ri-scoperta grazie ad analisi genetiche. Si tratta di una tartaruga gigante, la Chelonoidis elephantopus, che vive attualmente in un'area remota delle Galápagos, sull'isola di Isabela.

L'analisi, condotta da un'équipe di ricercatori della Yale University, è stata pubblicata sulla rivista di divulgazione scientifica Current Biology e parla di diversi esemplari ancora in vita diretti discendenti della Chelonoidis elephantopus. L'isola di Isabela si trova a 200 miglia dall'isola Floreana, habitat originario della specie.

A causarne la scomparsa furono i cacciatori di balene, ma evidentemente e fortunatamente le tartarughe sono riuscite a scovare un angolino di mondo in cui continuare a vivere indisturbate, lontane dalla furia dell'uomo.

I ricercatori pensano però che non siano arrivate lì da sole, bensì portate come cibo dai cacciatori dall'Isola Floreana e poi sfuggite o liberate sulla spiaggia. Il loro reinserimento nell'Isola Floreana sarebbe cruciale per ripristinare gli equilibri ecosistemici in cui svolgevano un ruolo vitale, con vantaggi anche per le popolazioni locali.

Via | Yale University
Foto | Yale University

  • shares
  • Mail