Caro benzina, risparmiare un pieno con il carpooling

carpooling per inquinare meno e risparmiare sul caro benzina

Il blocco dei Tir, la protesta dei forconi, le pompe chiuse, l'aumento del prezzo della benzina, insomma sembra che sarà l'economia e non l'ecologia a porre fine a questo sistema di trasporto basato sulle autovetture personali. Volenti o nolenti siamo costretti a pensare a una nuova mobilità che sarà per forza sostenibile includendo vetture in modalità condivisa e tecnicamente si chiama carpooling.

Mi giunge in proposito il comunicato stampa di Postoinauto in cui leggo che per ogni chilometro si possono risparmiare dai 5 ai 15 centesimi:

il portale italiano per la mediazione di passaggi auto, è riuscito a raddoppiare in pochi mesi il numero di posti condivisi. E, soprattutto sulle lunghe distanze, comincia ad affermarsi la cultura del viaggiare insieme. Del resto, visto il quadro economico-ecologico globale, è estremamente improbabile che la benzina torni ai prezzi di uno o due anni fa. Invece di attendere interventi dall’alto, sempre più persone reagiscono adottando una soluzione concreta come quella della condivisione dell’auto.

A oggi su Postoinauto sono disponibili oltre 18mila passaggi il cui costo varia da 1 euro a 30-40 euro per le distanze più lunghe. Considerati i volumi dunque sembra che anche la sicurezza di entrare in vettura con uno sconosciuto/a sia superata e ben gestita. Fanno notare i gestori del sito:

Grazie al controllo del numero di targa, ai commenti di feedback, alle pagelle per gli autisti e al “viaggio rosa” – per citare alcuni dei meccanismi di sicurezza disponibili su postoinauto.it – si può condividere l’auto nella massima tranquillità.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: