Vivisezione, contrari quattro italiani su cinque

scimmia vivisezione

Vivisezione: ne parlavamo nei giorni scorsi a proposito dell'annuncio dato dal Tg5 della chiusura del laboratorio Green Hill di Montichiari, nel bresciano, purtroppo solo un abbaglio mediatico. Torniamo a parlare di sperimentazione sugli animali a scopi scientifici perché dai dati Eurispes, contenuti nel Rapporto Italia 2012 appena pubblicato, emerge che l'86,3% degli italiani è contrario alla vivisezione.

Quattro italiani su cinque dicono no alle sperimentazioni in virtù dell'amore per gli animali, un sentimento che prevale nella maggioranza degli intervistati, mentre il 12,1% ritiene la vivisezione ammissibile ai fini della ricerca. L'amore per gli animali induce inoltre molti italiani, ben il 42%, ad adottare un cane piuttosto che un gatto.

Inoltre sono tanti a cambiare dieta proprio per evitare sofferenze agli animali, riducendo o eliminando del tutto il consumo di carne. Scrive l'Eurispes:

Le motivazioni indicate dagli intervistati circa la scelta di diventare vegetariani o vegani attiene principalmente all'attenzione per la salute (43,2%), seguita da un forte rispetto per gli animali, contro il loro sfruttamento da parte dell'uomo (29,5%), mentre soltanto il 4,5% adduce come motivazione la tutela e il rispetto dell'ambiente. Impegno, quest'ultimo, sicuramente seguito da una buona fetta della popolazione per altre vie.

Mobilità sostenibile ed acquisti consapevoli in testa. Altro dato emerso dal rapporto è l'avversità degli italiani per la caccia: tre su quattro, esattamente il 76,4% del campione di persone interpellato si è dichiarato contrario.

Via | Eurispes
Foto | PETA

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: