Libellule con il radiocollare

radiotracking di insetti, foto di ZieglerAlcune specie di libellule (ad esempio le Anax junius) migrano e possono percorrere circa 140 Km al giorno. Il problema più grosso è seguirle.

Ci hanno provato alcuni ricercatori della Princeton University, attaccando una micro trasmittente ad alcune libellule, ma le pile per far funzionare le trasmittenti per più di 12 giorni pesavano troppo, per cui i dati sono per forza limitati. Una radiotrasmittente da insetto pesa 300mg e già così l'insetto ne risente.

Il problema peggiore però potrebbe essere sessuale. Con quella radio appiccicata proprio lì non credo che le libellule riusciranno a fare quello che prima o poi avran voglia di fare... :-(

Gli insetti hanno iniziato a popolare il nostro mondo ben prima degli animali migratori che conosciamo oggi, per cui è possibile che il fenomeno migratorio sia iniziato con loro e non con gli uccelli. Le diverse classi di animali che percorrono le stesse rotte hanno però delle strategie comuni, come evitare di sorvolare il mare e aspettare due notti di basse temperature prima di mettersi in viaggio (che indicano l'avvicinarsi di un fronte freddo, cioè di venti favorevoli).

» Abstract sulle migrazioni delle libellule nelle Biology Letters (in inglese)
» Le farfalle non svolazzano a caso (in inglese)
» Esercito di insetti telecomandati americani

  • shares
  • Mail