Riscaldamento: acqua calda con la zeolite

caldaie per acqua calda a zeolite

La zeolite minerale noto per le alte capacità assorbenti e depurative sarà usato per ottenere acqua calda. Ciò perché come spiega CasaeClima:

Essendo la zeolite estremamente igroscopica (capace di assorbire il vapore acqueo dell’atmosfera), essa attrae le molecole d’acqua, immagazzinandole nei pori sulla sua superficie: in questo modo, le molecole di acqua, non potendo più eseguire un proprio moto, si trovano “rallentate“ e la loro energia cinetica viene convertita in calore.

La temperatura raggiunta è di 80 gradi centigradi e se portata a 120gradi centigradi, l'acqua immagazzinata viene espulsa dal minerale sintetico sotto forma di vapore.

Delle proprietà della zeolite ne avevamo scritto qui e qui, ma è di oggi la notizia dell'uso di zeolite sintetica in caldaie per il riscaldamento dell'acqua. L'obiettivo è consumare meno gas e ottenere un ribasso delle emissioni di CO2. Il che fa pensare immediatamente a un prodotto ecologico e proviamo a capire se è così.

Le zeoliti non sono una manna per l'ambiente: se usate nei detersivi, essendo insolubili, attraverso il ciclo dell'acqua finiscono per depositarsi sul fondo di laghi e mare impedendo di fatto la ricrescita della flora. Da quel che ho capito, per le caldaie in commercio, si fa riferimento a zeoliti in perle sotto forma ceramica, il che fa supporre che il rilascio nell'ambiente sia limitato. In ogni caso le caldaie in questione hanno in sistema ibrido che integra 50 Kg di zeolite sintetica, tre collettori solari termici e una pompa di calore. Le premesse sembrano interessanti anche se non ho notizie in merito alla smaltimento delle perle di zeolite una volta esaurito il ciclo della caldaia.

Via | CasaeClima, Non solo aria
Foto | CasaeClima

  • shares
  • Mail
13 commenti Aggiorna
Ordina: