Scozia, Donald Trump contro l'eolico off-shore (di fronte un suo Resort)

Donald Trum contro l'eolico off shore scozzese che sorge di fronte il suo resort Il tycoon e miliardario americano Donald Trump ha arringato nel parlamento scozzese contro un impianto eolico off-shore che dovrebbe sorgere proprio di fronte a un Resort di sua proprietà in Aberdeenshire. Infatti secondo i piani del Governo dovranno essere collocate a circa 1 miglio dalla costa 11 turbine eoliche che occulteranno, secondo Trump, il panorama del Trump International Golf Resort in costruzione dal gennaio 2010 per cui ha investito 1,6milioni di dollari. Non contento si è fatto intervistare dalla BBC e ha spiegato che essendo lui il più grande esperto di turismo al mondo è certo che le turbine eoliche terrano alla larga i turisti dalla Scozia. Insomma una vera e propria attività di lobby.

Trump ha definito le turbine: "suicidio finanziario", mentre il piano ambizioso del Primo ministro scozzese Alex Salmond vuole che entro il 2020 l'energia sia al 100% proveniente da fonti rinnovabili. Ma il miliardario è irritato per il fatto che tali obiettivi vadano a cozzare con i suoi interessi e dunque si è alleato con l'Associazione Cats- Communities Against Turbines Scotland.

Salmond però ha ricordato a Trump che:

Un investimento nel paese non implica la proprietà di Scozia. L'energia eolica off-shore nel suo complesso vale 30 miliardi di sterline e 28mila posti di lavoro. In Scozia il turismo è in crescita le turbine eoliche non sono un deterrente turistico.

Diciamo anche che Trump è stato trattato con i guanti gialli e che le concessioni date per la costruzione del suo resort hanno sollevato polemiche e proteste da parte di ambientalisti poiché il Golf Club non solo divorerà tantissima acqua ma sorgerà in un luogo incontaminato e famoso per le sue dune di sabbia.

Via | Smart Planet, DailyMail
Foto | TMNews

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: