Cannes, il mare della Croisette invaso dai rifiuti

Inizia oggi il Festival di Cannes e secondo l'associazione Expédition Méditerranée c'è poco da stare allegri.

Infatti se fino al 27 maggio il bel mondo del cinema affollerà il lungo mare di Cannes e la Croisette diverrà l'ombelico del mondo, sotto i fondali del mare più azzurro che c'è si nascondono rifiuti di ogni genere e sopratutto plastiche.

Lo testimoniano 4 video della serie "Les dessous de Cannes" girati proprio da ExpMed per convincere la moltitudine di partecipanti vip e non vip a non gettare rifiuti in mare. Cannes sous les marches du Festival presenta la girandola di bottiglie di plastica che finiscono sul fondo del mare; Cannes à bout de souffle che ha per colonna sonora "Dieu est un fumeur de Havanes" di Serge Gainsbourg viene mostrata l'invasione di cicche di sigaretta (il 40% dei rifiuti presenti nel Mar Mediterraneo); Cannes, décors naturels, mostra l'abbandono di cannucce per le bibite che finiscono o in acqua o peggio nella sabbia e infine Dégâts salés che evidenzia la sorte di un milione di uccelli e di 100mila mammiferi marini che ogni anno muoiono a causa della presenza dei rifiuti nei loro habitat.

Sembra folle dover sensibilizzare personaggi pubblici ma è così: nei giorni dei Festival c'è un surplus di 1200 tonnellate di rifiuti da smaltire, come conferma l'Amministrazione comunale. E questi rifiuti si vanno ad aggiungere alle plastiche già presenti nel bacino del Mediterraneo. Pezzi lunghi tra i 10 e i 15 cm stimati in 290 miliardi di pezzi di microplastiche alla deriva nelle nostre acque.

Via | 7sur7

  • shares
  • Mail