La top ten delle nuove specie scoperte nel 2011

nuove specie

Nuove specie scoperte e/o descritte per la prima volta nel 2011: l'International Institute for Species Exploration dell'Arizona State University ha stilato una top ten, diffusa non a caso ieri 23 maggio, in occasione dell'anniversario della nascita di Linneo, naturalista svedese a cui si deve l'attuale classificazione delle specie del regno animale e vegetale.

Di alcune di queste nuove specie ci eravamo occupati anche noi di Ecoblog. Nella foto in homepage le vedete tutte e dieci. Dopo il salto ve le presentiamo singolarmente in tutto il loro splendore.

scimmia dal naso camuso Rhinopithecus strykeri

Una scimmia dal naso camuso, la Rhinopithecus strykeri, scoperta in Birmania e già a rischio estinzione. Si stima sopravvivano appena 350 esemplari. Gli unici esemplari pervenuti ai ricercatori purtroppo sono quelli morti per mano dei bracconieri. Una curiosità: starnutiscono quando piove. Una caratteristica che può sembrare simpatica che però è anche il loro punto debole, dal momento che i cacciatori le localizzano facilmente proprio perché starnutiscono.

medusa Tamoya ohboya

Una medusa tanto bella quanto velenosa, la Tamoya ohboya. Potete osservarla nuotare in tutto il suo pericoloso splendore in questo video.

Halicephalobus mephisto

Un verme "diabolico" che vive nelle viscere più profonde della terra, non a caso denominato Halicephalobus mephisto.

orchidea Bulbophyllum nocturnum

L'orchidea Bulbophyllum nocturnum. Un fiore meraviglioso e bizzarro che ama la movida. Scoperto in Nuova Guinea, si schiude in tutto il suo splendore dopo le dieci di sera e si richiude il mattino seguente dopo dodici ore. La pianta rischia l'estinzione a causa della perdita di habitat provocata dal disboscamento selvaggio.

vespa bombardiere Kollasmosoma sentum

Kollasmosoma sentum, una vespa parassita che ha una strategia d'attacco a dir poco terrificante. Quando ha individuato il suo obiettivo, attacca piombando giù dal cielo come un bombardiere e deposita un uovo, proprio come fosse una bomba, su una formica, ignara di tutto. Incursioni aeree che durano frazioni di secondo (0,052) e che trasformano la vittima nel futuro pasto della larva della vespa. Sembra crudele, vero? In realtà sono strategie di sopravvivenza, i parassiti se ne inventano di ogni.

Spongiforma squarepantsii

Una spugna, Spongiforma squarepantsii, lo Spongebob dei mari. In realtà è un fungo, anche se il suo corpo può essere effettivamente spremuto proprio come si fa con una spugna. Anche le microscopiche spore del fungo hanno una consistenza spugnosa.

papavero giallo, Meconopsis autumnalis

Un papavero giallo, Meconopsis autumnalis. Vive ad altitudini elevate nel Nepal centrale. Fiorisce in autunno e si contraddistingue per i colori vivaci e brillanti.

millepiedi crurifarcimen vagans

Un millepiedi così grande da ricordare una grossa salsiccia! Nome scientifico Crurifarcimen vagans, segni particolari: grasso. Conta 56 anelli e con i suoi 16 centimetri è il millepiedi più grande delle montagne della Tanzania orientale.

Diania cactiformis cactus

Sembra un cactus, ma in realtà la Diania cactiformis è un animale che appartiene ad un gruppo estinto, i Lobopodia, ritenuti gli antenati degli Artropodi (crostacei, insetti, ragni). Ha la struttura di un verme e diverse paia di gambe. Lungo 6 centimetri, è stato scoperto nel Sud-Ovest della Cina, in depositi di periodo cambriano che risalgono a 520 milioni di anni fa.

tarantola blu Pterinopelma sazimai

Pterinopelma sazimai, una tarantola scoperta in Brasile di un blu iridescente e di una bellezza mozzafiato. Il Brasile è uno dei Paesi più ricchi di biodiversità del mondo. La tarantola è a rischio per via della perdita di habitat e del commercio illegale della specie come animale domestico, paradossale che qualcuno desideri una tarantola come pet, ma vero.

Foto | Thomas Geissmann; Ned DeLoach; G. Borgonie, Ghent University, Belgium; Esta Van Heerden, University of the Free State, South Africa; Jaap Vermeulen; Andre Schuiteman; C. van Achterberg; Thomas Bruns; Dennis E. Desjardin & Andrew Ichimura; Paul Egan; G. Brovad; Jianni Liu; Caroline Fukushima; Rogerio Bertani.

  • shares
  • Mail