No del governo alla discarica di Corcolle. Si dimette Pecoraro

Villa Adriana a Tivoli a 700 metri dalla discarica di Corcolle che non si fa

Villa Adriana non sarà sede di una discarica di rifiuti. La discarica a Corcolle non si farà e su questo sono d'accordo il premier Monti, il ministro per l'Ambiente Corrado Clini e il governo tutto. Perciò il Commissario Luigi Pecoraro, nominato durante il governo Berlusconi ha presentato le sue dimissioni, perché lui su Corcolle ci aveva creduto. Infati appena ieri dichiarava che la reale distanza della discarica da Villa Adriana era di 1000 metri dall'area di rispetto e di 2400 metri dall'entrata del sito archeologico:

Monti conosce bene tutti i dati. E a rassicurarlo c’è stato anche il parere del Dagl, il dipartimento affari legislativi e giuridici del governo, che confermano la correttezza del mio operato. Ricordiamoci sempre che c’è una autostrada fra la discarica, che sarà interrata, e Villa Adriana. Bisogna conoscere bene le carte. Verificare sulle mappe e visitando i luoghi come è realmente la situazione. Più volte ho parlato con persone scandalizzate per la presunta discarica a Villa Adriana, poi quando spiegavo loro la reale distanza cambiavano idea.

Della folle idea di fare un buco a pochi passi da Villa Adriana a Tivoli, ovvero a 700 metri che dal sito archeologico UNESCO patrimonio dell'umanità, dove andare a interrare i rifiuti dei romani ne scrivevo lo scorso gennaio, quando fu adottata l'ennesima proroga per ficcare rifiuti a Malagrotta. Proroga che con ogni probabilità sarà rinnovata il 1° giugno per altri sei mesi. Nel mentre a Roma dovrebbe partire una vera raccolta differenziata.

Via | Il Manifesto, Euractiv
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail