Fiumi italiani e illegalità

Legalita' dei fiumi, campagna fiuminforma

Legambiente e il Corpo Forestale dello Stato stanno presentando in questi giorni il dossier sullo stato di salute dei fiumi italiani.

Le condizioni sono scarse per il 21% delle aste fluviali, in cui si commettono 4 illeciti al giorno variando tra pesca illegale, captazioni non autorizzate, sversamento di sostanze inquinanti, mancata depurazione, furto di ghiaia e inerti dagli alvei, abusivismo edilizio lungo le sponde...

Leggo che negli ultimi tre anni sono stati accertate dal solo Corpo Forestale 4.053 infrazioni del codice civile e 991 del penale; identificati e denunciati più di 700 "criminali fluviali" a cui sono stati inflitti un 1.400.000 Euro di sanzioni. Sono stati 7 gli arresti (per i reati si va in prigione, per gli illeciti amministrativi si paga solo una sanzione). Questo senza tenere conto di quelli accertati dalle altre forze di polizia che concorrono alla salvaguardia dei fiumi e senza contare le regioni autonome e a statuto speciale.

Solo l% dei fiumi italiani gode di ottima salute. Il peggio si incontra nel Lazio e nelle Marche per qualità delle acque e in Lazio e Abruzzi per quantità di atti criminali.

» Dossier fiuminforma di Legambiente

» Appuntamenti di Legambiente per i fiumi

» Il Corpo Forestale ricorda il contributo dei fiumi alla Patria.

» Le tabelle dei fiumi per regione, per quantità di illeciti e per qualità delle acque.

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: