Il biodiesel non conviene

produzione di etanolo dal maisDue ricercatori della Cornell University e della Bekeley University sostengono che per produrre biodiesel sia antieconomico perché per colitivare le piante servono più combustibili di quelli prodotti.

David Pimentel insegna ecologia e agricoltura, Tad W. Patzek insegna ingegneria civile ed ambientale. Insieme hanno calcolato che produrre etanolo consuma più energia di quella che se ne ricava. Nel conto sono stati messi anche i costi per produrre i fertilizzanti e i diserbanti, per far andare le macchine agricole, per i trasporti e per distillare l'etanolo. In particolare risulta che le spese superano i guadagni:



Lo stesso discorso applicato alla produzione di biodiesel dai semi oleosi mostra che lo svantaggio è:


  • dalla soia del 27%

  • dal girasole del 118%

L'analisi non tiene conto dei sussidi all'agricoltura, delle tasse e dei costi ambientali dovuti all'inquinamento e alla degradazione dei suoli agricoli.

Per contro, il piano di Bush per sostenere la produzione di etanolo negli USA e l'Associazione Nazionale dei Coltivatori di Cereali sostengono che il rendimento energetico della conversione mais-etanolo sia estremamente vantaggioso. Parlano di rese del 67%. I dati da loro sbandierati sono quelli degli studi di Shapouri, del dipartimento dell'agricoltura dell'amministrazione Bush.

» L'articolo di Piementel e Patzek sui costi dell'etanolo e del biodiesel

» La relazione di Shapouri sull'etanolo

» Botta e risposta tra Piementel e Shapouri sull'energy bulletin

» Il bioetanolo dall'erba

» Fiat brasiliane che vanno a bioalcool

  • shares
  • Mail
36 commenti Aggiorna
Ordina: