Acque radioattive alle terme

Terme di Pré Saint-DidierHo trascorso il fine settimana in Valle d'Aosta, a Pré Saint-Didier ci sono le terme e ci facevano un concerto d'arpa.

Sembrava un sogno, tranne un piccolo dettaglio: sul volantino pubblicitario che danno all'ufficio turistico si legge "acque termali a composizione arsenico-ferruginosa e moderatamente radioattiva. Ingresso vietato ai minori di 14 anni".

Nello stabilimento ci sono vasche a differenti temperature, aromatizzate al pino o accompagnate da cromoterapia. Ti massaggiano anche, se vuoi. Mi ritornano alla memoria le boccettine di fine ottocento con le acque radioattive medicamentose, con tanto di litografia di Madame Curie in etichetta. Quali siano le proprietà benefiche dell'arsenico lo ignoro. Lo usano come insetticida, quindi, forse, va bene per eliminare pulci, piattole e pidocchi.

Le terme di Pré Saint-Didier mi sembrano un ottimo esempio di trasformazione di un problema (le acque radioattive) in una risorsa (le terme). Dal punto di vista del businnes mi pare impeccabile. Sulla effettiva salubrità dei bagni mi resta qualche dubbio, tant'è che ho lasciato che i miei amici ci andassero senza di me.

Si parla tanto di utilizzo in cascata del calore, del teleriscaldamento, delle possibilità  della geotermia... ecco, mi chiedo se in futuro vedremo gli stabilimenti termali sorgere di fianco alle centrali nucleari.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: