In Alaska si studia il mini nucleare

Paesaggio dell'AlaskaIn Italia si discute solo di minieolico (piccoli impianti di produzione con il vento) e di microgenerazione (piccole centrali elettriche a ciclo combinato, energia e calore). In Alaska si valuta l'installazione della prima centrale nucleare sul suolo americano dopo oltre venti anni. La grande multinazionale giapponese Toshiba, oltre a produrre elettronica di consumo e computer, ha in listino anche centrali nucleari. Quella proposta alla comunità di Galena, villaggio di 700 abitanti, è una piccola centrale nucleare chiavi in mano. Il nucleare è tutt'altro che vecchio e sepolto. I giapponesi lo offrono con il solo costo della manutenzione, quasi in promozione. Per gli americani si tratterebbe di abbandonare il gasolio, molto costoso e difficile da trasportare. I critici dell'operazione si chiedono cosa spinga la Toshiba a spingere questo minireattore che in Giappone non può neanche essere sperimentato. Filantropia?

  • Roland Piquepaille spiega come funziona il minireattore
    • shares
    • Mail