Economia sostenibile: BMW investe sullo stabilimento di Dingolfing

Per migliorare l'efficienza degli impianti ed ottimizzare il ciclo produttivo dei suoi modelli, compresa l'auto elettrica BMW iNext, la casa bavarese spende grandi cifre.

Il Gruppo BMW sta investendo 400 milioni di euro nel sito produttivo di Dingolfing, in Baviera (Germania), per la produzione della iNext, il cui lancio è previsto nel 2021. Lo stabilimento non sarà orientato alle sole auto a batterie, ma avrà la flessibilità per produrre il giusto mix di veicoli completamente elettrici, ibridi plug-in e con motori a combustione, per soddisfare la domanda su un'unica linea di assemblaggio.

Queste le parole di Milan Nedeljkovic (membro del Board of Management di Bmw AG e responsabile della produzione): "Grazie alle strutture produttive flessibili, i nostri impianti sono perfettamente attrezzati per soddisfare le più diverse esigenze del mercato. Siamo fermamente convinti che, nei prossimi anni, ci sarà più di una soluzione per i bisogni di mobilità dei nostri clienti, con un mix di varie tecnologie. Gli ibridi plug-in rappresentano oggi quasi il 10% della produzione di Dingolfing. La BMW iNext diventerà il primo veicolo elettrico a batteria puro a prendere forma nell'impianto, a partire dal 2021".

L'area industriale destinataria del cospicuo investimento di BMW Group si sta preparando anche alla produzione standard di veicoli altamente automatizzati. Dice Nedeljkovic: "Man mano che la tecnologia delle nostre auto diventerà sempre più complessa, le capacità di integrazione del sistema si trasformeranno in un vantaggio competitivo decisivo. Con BMW iNext la nostra sede di Dingolfing sta dimostrando che siamo in grado di soddisfare le crescenti richieste di prodotti in un'efficiente produzione industriale su larga scala".

I preparativi per l'arrivo dell'ormai nota auto elettrica sono in pieno svolgimento, interessando in pratica tutte le aree di lavoro. Nel mese di agosto, la produzione è stata interrotta per quattro settimane per consentire allo stabilimento di proseguire con varie attività di costruzione e ristrutturazione e preparare la sede per i nuovi modelli.

La carrozzeria nel cuore della fabbrica è stata allestita per la BMW iNext diversi mesi fa. Nuove linee di produzione sono attualmente in allestimento per il suo assemblaggio. L'impianto beneficia in gran parte di anni di lavoro nella costruzione composita e leggera, nonché delle strutture create per l'attuale generazione della serie 7. La produzione nello stabilimento, inoltre, era già stata avviata per la gestione di un innovativo mix di acciaio, alluminio e CFRP (plastica rinforzata con fibra di carbonio) per questo modello, ad esempio con uno dei forni di essiccazione della vernice più lunghi del settore.

BMW iNext può anche basarsi su molti processi di assemblaggio consolidati. Il nuovo modello sarà prodotto in modo efficiente e flessibile su un'unica linea con i modelli Serie 5, Serie 7 e Serie 8. Tuttavia, nei veicoli elettrificati e altamente automatizzati, alcuni contenuti di lavoro si distribuiscono in modo diverso durante il processo di produzione rispetto ai veicoli convenzionali. Nelle auto elettriche, ad esempio, vengono omessi alcuni passaggi nella trasmissione o nell'installazione di assemblaggi. In altre aree sono necessari ulteriori lavori, come l'installazione della batteria e dei corrispondenti cavi ad alta tensione.

Lo stabilimento di Dingolfing è uno dei 31 siti produttivi del Gruppo BMW in tutto il mondo. Circa 1.500 Serie 3, Serie 4, Serie 5, Serie 6, Serie 7 e Serie 8 vengono prodotte quotidianamente in questo impianto produttivo. Nel 2018 questo complesso ha visto sbocciare un totale di circa 330.000 veicoli. La forza lavoro attuale ammonta a 18.000 dipendenti e 800 apprendisti.

  • shares
  • Mail