Blocco alle importazioni di riso gm dagli USA

riso lungo, geneticamente modificato negli USAIl primo a bloccare le importazioni di riso a grani lunghi è stato il Giappone, che appena ricevuta la notizia che il riso statunitense contiene una proteina della Bayer ha annullato tutti gli ordini e bloccato i magazzini contenenti riso geneticamente modificato in arrivo dagli USA.

L'Europa sta decidendo il da farsi e Antonia Mochan, portavoce della Commissione europea, ha dichiarato "Abbiamo preso contatto con le autorità americane e con l'impresa responsabile di questa proteina per ottenere rapidamente delle informazioni specifiche sulla valutazione del rischio e sul metodo di individuazione - ... - Le misure che prenderemo dipenderanno dalle risposte che riceveremo. Per noi la questione è prioritaria e vi stiamo lavorando con urgenza".

Il Dipartimento dell'agricoltura e la Food en Drug Administration tranquillizzano, sostenendo che non emergono elementi di preoccupazione per la salute umana, la sicurezza alimentare e l'ambiente legati al riso in questione. Il servizio statistico dell'agricoltura Usa ritiene che nel 2006, il 61% dei cereali, l'83% del cotone e l'89% della soia piantate negli USA erano varietà biotech.

Coldiretti (che magari vorrebbe incentivare le produzioni locali) chiede di bloccare le importazioni. L’Unione Europea importa oltre 200.000 tonnellate di riso dagli USA per un valore di oltre 50 milioni di euro ogni anno. L'Italia esporta i due terzi della produzione di riso ed è il primo produttore europeo. Insomma, qui non si tratta solo di decidere quanto sia buono il risotto alla milanese rispetto ad un involtino di riso giapponese fatto con riso americano, o se gli Europei vogliano o no mangiare riso geneticamente modificato; qui si tratta di affari e di un sacco di soldi.

» Chiarimenti sul riso gm richiesti agli USA sull'ANSA

» Coldiretti chiede di bloccare anche in Europa il riso gm americano.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: