Giornata dell'energia elettrica

logo della giornata dell'energia elettricaIl 7 ottobre è la giornata nazionale dell'energia elettrica e, per l'occasione, molte centrali saranno aperte al pubblico (per sapere quali, ovviamente, si può andare sul sito dell'Assoelettrica, che organizza l'evento.

Resto però un pochino perplessa leggendo che Assoelettrica vuole: "muovere i primi necessari passi verso riequilibrio del mix delle fonti primarie, attraverso un maggiore ricorso al carbone ed un forte impulso alla crescita delle fonti rinnovabili, tanto invocate anche dalla Commissione europea e grazie alle quali sarà possibile conseguire una ulteriore riduzione delle emissioni. "

Dai dati di greenpeace, solo un termovalorizzatore emette di più di una centrale a carbone... non è che si potrebbe puntare su qualcosa d'altro?

La seconda perplessità riguarda le "compensazioni per aggirare o attenuare i fenomeni di dissenso che si manifestano intorno alla realizzazione di nuove infrastrutture energetiche. Possono essere uno strumento utile, ma forse andranno ipotizzati anche altri percorsi, ad esempio utilizzando pienamente le opportunità offerte dalla Valutazione Ambientale Strategica quanto a coinvolgimento dei portatori locali e generali di interesse in un confronto più informato e quindi più produttivo.

La sindrome “Nimby” (not in my back yard) ha in passato molto spesso impedito la realizzazione di importanti infrastrutture, generando conseguenze negative sullo stesso sviluppo economico del Paese."

Posso solo dire che moltissimi privati, proprio nel loro orticello, hanno installato pannelli fotovoltaici.

  • shares
  • Mail
12 commenti Aggiorna
Ordina: