I 2500 beagle di Green Hill a LAV e Legambiente per le adozioni online

La Procura di Brescia ha disposto l'affido dei 2500 cani beagle sotto sequestro con la struttura di Green Hill alle associazioni LAV e Legambiente che disporranno le adozioni attraverso i loro siti on line o presso sedi competenti. L'operazione è stata chiamata SOS Green Hill e sotto sequestro probatorio è finito anche il mangime per i cani che basterà per i prossimi 60 giorni. Lo rendono noto le due associazioni attraverso un comunicato stampa congiunto in cui specificano anche:

Sui siti e nelle sedi nazionali delle Associazioni e dei Comitati elencati sarà quindi possibile ora e ufficialmente candidarsi ad adottare un beagle liberato da Green Hill: cuccioli, fattrici, cani adulti e i cani che erano già pronti e in partenza per essere oggetto di sperimentazione.



Come raccontavo nel post precedente la Procura di Brescia aveva reso noto che avrebbe affidato la custodia giudiziaria dei cani a associazioni animaliste. Detto-fatto. Ora LAV e Legambiente fanno sapere che nelle prossime ore convocheranno tutti gli ambientalisti e animalisti che hanno partecipato al progetto per fermare l'allevamento di Green Hill e dunque si incontreranno con “Vita da cani”, Occupy Green Hill, il Comitato Montichiari contro Green Hill, la Federazione Italiana Diritti Animali e Ambiente (Enpa, Leidaa, Lega nazionale difesa del cane, Oipa) per organizzare le procedure di gestione delle 2500 adozioni dei cani salvati dalla vivisezione.

La struttura dell'allevamento di Green Hill a Montichiari in provincia di Brescia resta sotto sequestro probatorio ma i cani potranno uscire a mano a mano che il Corpo Forestale dello Stato disporrà la redazione dei verbali di affidamento con i microchip dei singoli animali che saranno consegnati.

Spiegano LAV e Legambiente:

L’operazione ribattezzata “SOS Green Hill” è molto gravosa: la Procura ha dato l’affidamento a titolo gratuito, e costerà alle Associazioni e ai Comitati che conteranno sul sostegno di iscritti, sostenitori e cittadini.

Via | Comunicato stampa
Foto | Courtesy Occupy Green Hill Gruppo su Fb

  • shares
  • Mail