Salvate l'elefantino Sunder, l'appello di Paul McCartney

Bel modo di trattare un animale sacro, non c'è che dire. Ci riferiamo al (mal)trattamento ricevuto dal piccolo Sunder, un giovane elefante indiano, attualmente detenuto in un capannone che si trova all'esterno di un tempio indù. Le foto diffuse dalla PETA India mostrano le ferite causate al povero elefante dalle innumerevoli sevizie del suo pseudoaddestratore.

L'elefante ha tredici anni e nella sua breve vita è stato sottoposto a prolungate sofferenze: nel capannone, buio e minuscolo, in cui è stato segregato, nei pressi del tempio Jyotiba, a Maharashtra, non può fare un solo passo senza avvertire fitte lancinanti causate dalle catene. L'elefante da sei anni viene utilizzato per mendicare soldi da destinare al tempio. Si è unito all'appello della PETA anche Paul McCartney che ha scritto al Ministro delle Foreste indiano Patangrao Shripatrao Kadam per chiedere il ritorno nella foresta del piccolo Sunder: ci sono delle riserve naturali già disposte ad accoglierlo.

Maltrattamento elefanti India Maltrattamento elefanti India Maltrattamento elefanti India Maltrattamento elefanti India Maltrattamento elefanti India

La PETA sospetta che all'animale vengano negati cibo ed acqua, visto il suo aspetto malandato e trasandato. Anche quando viene nutrito il cibo è di scarsa qualità ed in quantità insufficiente ai suoi bisogni. Sono invece una certezza, come notate dalle foto della PETA India, gli abusi che è costretto a subire: viene picchiato e terrorizzato per impedirgli di ribellarsi ed ha una brutta ferita all'occhio. Torture che violano la legge, contravvenendo ai decreti sulla protezione degli animali del 1972 e del 2002 ed alla legge sulla prevenzione della crudeltà agli animali del 1960.

Per chiedere al Ministro delle Foreste indiano di liberare Sunder e punire chi ha osato maltrattarlo si può sottoscrivere la petizione della PETA. Sperando che gli indiani ricordino perché il dio Ganesh viene raffigurato con la testa di un elefante. L'elefante rappresenta infatti la saggezza ed il coraggio: un animale possente che non usa la sua forza per uccidere e che ha servito docilmente l'uomo sopportando e spostando carichi pesanti. E ha ricevuto in cambio un occhio nero e un posto da buffone frustato e frustrato al circo.

Foto | PETA

  • shares
  • Mail