Ilva, Tagarelli torna custode giudiziario: Ferrante sollevato per "palese conflitto"

Secondo atto della questione giudiziaria dell'Ilva di Taranto: il Gip Patrizia Todisco prima chiede che sia avviata la bonifica con impianti fermi e poi con una ordinanza emessa ieri solleva Bruno Ferrante Presidente del Consiglio di Amministrazione dell'acciaieria dall'incarico di custode giudiziario. Torna nel ruolo da cui era stato precedentemente sollevato dal tribunale del Riesame Mario Tagarelli Presidente dell'Ordine dei commercialisti di Taranto. L'azienda ha annunciato immediato ricorso.

Scrive il Gip Todisco nell'ordinanza le motivazioni:

Manifesta incompatibilità del presidente del Consiglio di Amministrazione e legale pro tempore dello stabilimento Ilva di Taranto con l’ufficio pubblico di custode ed amministratore delle aree e degli impianti dello stesso stabilimento sottoposti a sequestro preventivo, stante il palese conflitto di interessi di cui il dottor Ferrante – nella citata veste di amministratore e legale rappresentante dell’azienda – è portatore e gli obblighi gravanti sui custodi ed amministratori dei beni in sequestro, in ragione dei quali sono state impartite le disposizioni ai medesimi notificate il 10.08.2012.


Sostanzialmente il Gip Todisco individua in Ferrante il datore di lavoro ovvero colui che dovrà poi mettere in pratica tutte le necessarie per le aree che non sono al momento sotto sequestro agli adeguamenti normativi dell'Aia. I cori dei politici indignati per la decisione del Gip Todisco si sono sollevati a destra come a sinistra inclusi quelli dei Sindacati: da Nichi Vendola a Corrado Clini (lo ricordo ministro all'Ambiente e non allo Sviluppo) a Corrado Passera ministro (lui si!) allo Sviluppo tutti temono che la chiusura dell'acciaieria possa davvero mettere in ginocchio la già fragile economia italiana. Ma l'Ilva inquina e troppo e tanto e seriamente. La domanda ora è: possibile che non ci sia un sistema serio di far convivere industria e rispetto ambientale?

Via | Il Manifesto, La Gazzetta del Mezzogiorno
Foto | TMnews

  • shares
  • Mail