Geoingegneria, nuvole artificiali sugli oceani contro il riscaldamento globale

Ci risiamo con l'ecology fiction: un team di geoingegneri e fisici dell'atmosfera ha riproposto la creazione di nuvole artificiali per contrastare gli effetti del riscaldamento globale. Rob Wood della University of Washington sulla rivista Philosophical Transactions of the Royal Society rispolvera infatti l'ipotesi di impiegare navi futuristiche (le vedete nella foto a lato) per lanciare delle soluzioni saline sugli oceani e dare origine a nuvole riflettenti capaci di schermare i raggi solari, diminuendo l'aumento delle temperature dovuto all'effetto serra.

L'idea di Wood è di testare la validità di questo metodo partendo con un esperimento su piccola scala per poi prendere in considerazione applicazioni a largo raggio, in caso l'esperimento restituisca risultati interessanti. Ma come funzionerebbero queste nuvole nello specifico?

La teoria su cui si basa questo metodo è che aggiungendo particelle sopra l'oceano, in questo caso di acqua marina salata, si stimola la formazione di nubi più grandi e stabili. Un valido schermo capace di riflettere i raggi solari. Le nuvole si formano quando l'acqua si accumula attorno alle particelle, ma l'acqua è presente in quantità limitate nell'atmosfera, irrorando più particelle si verrebbero dunque a formare più goccioline, anche se di dimensioni inferiori. Gocce più piccole che occupano una superficie più ampia riescono a riflettere meglio la luce solare, creando un effetto di raffreddamento sulla Terra.

Alle critiche sulle implicazioni ambientali ed etiche che accompagnano qualsiasi esperimento di geoingegneria (la manipolazione dell'ambiente con la tecnologia è da sempre tema controverso), gli scienziati replicano che l'effetto di un esperimento su piccola scala durerebbe pochi giorni e servirebbe a chiarire anche come agiscono le particelle inquinanti che hanno un effetto simile.

Foto | Courtesy of John McNeill

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: