Racconto di un Natale riciclato

regali di Natale usatiUna famiglia statunitense ha fissato una regola per liberarsi dallo stress dei regali di Natale: regalare solo cose di seconda mano, fregandosene degli inviti pubblici a spendere per risollevare l'economia. Volevano che la riunione di famiglia fosse un evento piacevole e non l'arrivo di una corsa con in premio una montagna di cose impersonali.

La tradizione del regalo e' salva, tutti hanno qualcosa da scartare, ogni oggetto ha una storia da raccontare, ma nessuno ha speso soldi o perso tempo cercando parcheggio in centro, facendo la coda alle casse, frugando nei negozi e passando da una vetrina all'altra al freddo in cerca di ispirazioni.

La strategia e' quella di donare qualcosa di proprio, scegliendo tra gli oggetti che possono interessare l'altra persona: un libro, delle foto di famiglia, un ricettario, un vestito, un attrezzo per il fai da te frequentemente chiesti in prestito possono essere una scelta azzeccata... Per i bambini valgono anche disegni e poesie, per le zie valgono anche i biscotti.

Aggiungo un'idea mia (scusatemi se mi e' venuta solo adesso... magari qualcuno di voi e' ancora in tempo a proporlo per la Befana o i Re Magi ): invece di regalare a qualcuno un oggetto nuovo, perché non ripararne uno vecchio? Di sicuro se l'oggetto e' stato usato e' perché era gradito e utile al proprietario, quindi si va sul sicuro in fatto di gusti! Bisogna solo impiegare un pochino di tempo per trovare l'artigiano o gli attrezzi necessari. A me farebbe molto piacere se qualcuno mi cucisse i pantaloni rotti, mi ridipingesse le finestre, mi regolasse l'orologio, aggiustasse il timer del forno... :-)

Recycled Christmas: One Family's Revolution Against the Shopping Mall

  • shares
  • Mail