La Russia vuole annettersi un pezzo di Artico

La dorsale Lomonosov e gli interessi petroliferi della Russia nel Mar Glaciale ArticoIl Guardian riporta le mire espansionistiche della Russia, che vorrebbe annettersi una fetta di Polo Nord ricchissima di petrolio. Sulla Pravda il prezioso fondale marino, grande quattro volte l'Italia, era segnato sotto le bandiere russe (ma non credo basti pubblicare una cartina su un giornale per reclamare un territorio).

I geologi russi hanno stimato che sotto il Mar Glaciale Artico si trovino cento miliardi di tonnellate di petrolio e gas naturale. Il diritto internazionale, valido nella "terra di nessuno - territorio internazionale" che e' il Mar Glaciale Artico, dice che Stati Uniti, Canada, Norvegia, Russia e Danimarca possono sfruttarne economicamente quel territorio non oltre le 200 miglia dalla loro costa (la Groenlandia appartiene alla Danimarca).

I russi ora vorrebbero reclamarne un pezzo, dicendo che "la dorsale sottomarina Lomonosov è unita direttamente al territorio della Federazione Russa - ovvero alla piattaforma continentale siberiana". Alcuni studi geologici (russi) lo confermerebbero, ma i dati definitivi dovrebbero essere disponibili nel 2009. I russi avevano fatto questa richiesta alle Nazioni Unite già nel 2001 e non sono stati i primi a voler estendere i propri confini verso il Polo.

La Danimarca aveva già reclamato senza successo la continuità territoriale con la dorsale di Lomonosov nel 2004. Sergey Priamikov, direttore internazionale dell’Istituto di ricerca dell’Artico e dell’Antartico di San Pietroburgo ha espresso qualche perplessità: "Il Canada potrebbe avanzare le stesse identiche pretese. A questo punto i canadesi potrebbero dire che la dorsale di Lomonosov è parte dello scudo canadese il che significa che la Russia dovrebbe appartenere al Canada, insieme con l’intera Eurasia." E infatti aveva iniziato il Canada a volersi annettere pezzi di Polo Nord, ma nessuno degli altri Stati che si affacciano sull'Artico aveva riconosciuto la sovranità territoriale canadese oltre le 200 miglia.

Insomma, la geologia elementare dice che le dorsali separano i continenti, ma qui sembra che gli interessi economici vogliano piegare la crosta terrestre a proprio piacimento.

» Lomonosov Ridge on Gainesville
» Economic area of Russia to expand by million square kilometres on Russia IC
» The Artic Council

PS
Sul numero di settembre della rivista Clima raccontavano anche delle speculazioni petrolifere in Antartide: costruire sul permafrost e' rischioso, ma se il ghiaccio calasse di spessore e il protocollo di Madrid del 1993 saltasse... se il clima continuasse a cambiare come sta facendo ora, entro un secolo potrebbero crescere gli alberi, in Antartide.

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: