Come muore un delfino da carne



Attenzione, la visione del filmato e' parecchio "indigesta".

I delfini ci fanno tenerezza perché giocano, parlano, hanno rapporti di amicizia come gli esseri umani. Ucciderli in modo cosi crudele fa veramente impressione e ci fa sentire "civili" perché noi la carne di delfino non la mangiamo. Sono gli altri i cattivi.

Ops. C'è un problema: nel corso della sua vita (80 anni in media), ogni italiano fa uccidere per cibarsene circa 1400 animali tra bovini, maiali, conigli, cavalli, polli, tacchini e altri volatili.
Se mangiate carne, fate in modo che gli animali abbiano avuto una vita decente. Dopotutto, voi non siete così cattivi, vero?



Di seguito potrete leggere la reazione a caldo di Francesca Pratali, scritta appena dopo aver visto il filmato:

Come tutti sappiamo il Giappone è purtroppo sinonimo di caccia alle Balene, ma forse alcuni non sanno che può essere anche sinonimo di caccia ai delfini.
Dal primo ottobre fino alla fine di Aprile al largo della baia di Taiji in Giappone ogni anno avviene un massacro.

I Giapponesi sono abili nell'inventare metodi semplicissimi, in questo caso usano una specie di rullo di tamburi subacqueo che crea una barriera sonora, così i delfini, non potendo andare verso il mare aperto, sono costretti a rifugiarsi nella baia dove decine se non centinai di arpioni li attendono. Il tutto perché la carne di delfino, come quella di balena, è molto apprezzata al prezzo di circa duemila yen (100 euro) al chilo.

Questa è una caccia che era sfuggita ad animalisti e attivisti di Greenpeace, forse perché fatta in una baia di una cittadina accogliente un po' stile anni 50, finché non è stato trasmesso il video, se non erro di Richard O'Barry, da cui già nel 2005 era partita una campagna della LAV.

Sono pochi i delfini che si salvano da questo massacro e quelli che ci riescono finiscono in delfinari o in parchi. Il responsabile della LAV settore zoo e Acquari, Giovanni Guadagna, ha stimato che il 65% dei delfini nei parchi o delfinari provengono dalle catture in mare. Senza contare quelli che arrivano dal commercio illegale, pare che più di mille arrivino proprio da Taiji. Una vera e propria tratta di Delfini.

Non so cosa sia peggio, se il massacro o un intera vita dentro delle pareti di vetro per questi odontoceti (hanno veri e propri denti), veramente molto intelligenti e con un sistema di comunicazione basato sulla capacità di produrre ultrasuoni ma con anche schemi di movimento.
Purtroppo questi meravigliosi animali sono già abbastanza minacciati dall'inquinamento e dal traffico nautico senza bisogno che delfinari e pesca ci mettano del loro.
Purtroppo, quando si guarda un delfino in una vasca, non si pensa mai che si senta in prigione, in fondo ha tutto, l'acqua, il cibo i migliori veterinari. A voi piacerebbe vivere in una prigione e vedere sempre quelle 4 mura, o vi piacerebbe essere "Arpionati", trascinati da un auto e poi squartati mentre siete ancora vivi?
Io credo di no, per questo credo che ognuno di noi dovrebbe cercare di fare qualcosa e si può iniziare con una semplice firma a questa petizione.
Mi piacerebbe che anche il nostro governo facesse qualcosa contro queste crudeltà, ma non ci si può aspettare niente da una nazione dove avviene la Mattanza, la caccia ai tonni, ugualmente crudele.

» Racconto di due giovani contro la caccia ai delfini

» I delfini del Mediterraneo

  • shares
  • Mail
129 commenti Aggiorna
Ordina: