Seguici su

Alimentazione

Etichette obbligatorie per i pesci

Il Parlamento Europeo chiede che entro il prossimo giugno tutti i pesci in vendita all’interno dei Paesi Membri vengano etichettati in modo chiaro. Il provvedimento ha lo scopo di impedire l’accesso ai mercati di pesce proveniente da pesca illegale.

Il nostro mercato comune e’ il maggior mercato mondiale di pesce. Nel 2002 era stato adottato un piano europeo per eliminare il pesce illegale, non schedato e non regolato, che purtroppo non ha dato i risultati sperati. Una delle contromisure proposte sarebbe la diffusione di black-list con i nomi dei pescherecci pirata, noti per aver pescato illegalmente in almeno uno degli Stati membri.

La pesca di frodo frutta 2.4 miliardi di dollari all’anno e si svolge di preferenza al largo di Paesi in via di sviluppo che non sono in grado di proteggere militarmente le loro coste.

In Italia il 48,2% dei banchi di pesce non sarebbe in regola con l’etichettatura dei prodotti ittici. Lo ha rivelato un’indagine sui consumi e sulla corretta informazione ai consumatori nella vendita del pesce fresco in Italia condotta dal Movimento Difesa del cittadino.

Dai dati rilevati dall’associazione, appena il 57,4% dei banchi di pesce indica il “Metodo di produzione”, il 62,3% dà indicazione della “Zona di cattura o di allevamento”, mentre l’ informazione più diffusa è quella relativa alla “Denominazione commerciale della specie” (riportata dall’85,8% del campione). Solo 2 regioni sulle 10 esaminate hanno banchi di pesce con tutte le etichette in regola.

» Ue, entro giugno la proposta dell’ecolabel ittico da HelpConsumatori
» Rapporto “Pesce fresco mappa dell’illegalità” del MovimentoDifesaCittadino
» Redouble the efforts against illegal fishing, says European Parliament
» Marine Stewardship Council

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa