La barriera corallina di pneumatici

demolizione della barriera corallina fatta di pneumatici

Due milioni di copertoni usati erano stati affondati, con alti scopi ecologici, al largo della Florida nel 1972.
L'idea era di ricreare le condizioni necessarie al formarsi di una barriera corallina.

L'esperimento e' fallito miseramente e i copertoni che si svincolavano dalla barriera (erano trattenuti da fili di nylon e metallo) se ne andavano alla deriva da anni, finendo per soffocare una vera barriera corallina, secondo quanto raccontato dagli esperti di Coastal America.

Ora occorre recuperare tutta quella spazzatura e smaltirla correttamente. Il governatore della Florida Charlie Crist aveva proposto di spendere 2 milioni di dollari per smaltire 675.000 copertoni.
Ad occuparsi del recupero saranno gli allievi del corso di sub delle forze armate statunitensi che procederanno al recupero come esercizio di addestramento. Dopo la raccolta i copertoni saranno avviati al riciclo, all'incenerimento e alla discarica.

Quando sono state vagliate le opzioni, a proposito del riciclaggio si temeva che le incrostazioni e la sabbia avessero potuto "rovinare" la plastica o farla "puzzare", ma si e' visto che le forme di vita non riescono ad aderire a questo genere di substrato. Riciclare questi pneumatici costerà alla Florida 3 dollari per ogni pezzo.

Via | Repubblica


»
Officials to remove 1970s tire reef that became eco-disaster off Fort Lauderdale
on SunSentinel

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: