L'Authority approva i livelli di qualità per l'energia

L'Authority per l'energia fissa gli standard di qualità per la trasmissione dell'energia elettricaL'Autorità per l'energia elettrica e il gas ha approvato i livelli attesi di “qualità del servizio di trasmissione” per l’anno 2007.

La qualità nel servizio di trasmissione dell'energia si misura in quanto tempo durano le interruzioni di alimentazione ai clienti e alle imprese distributrici (direttamente connesse alla rete di trasmissione nazionale) attribuibili alla responsabilità del gestore della rete di trasmissione (Terna). Terna è tenuta a pubblicare, entro aprile 2007, un resoconto a consuntivo sulle iniziative assunte nel 2006 per il miglioramento della qualità.

I parametri di qualità sono stati scelti guardando lo storico degli ultimi 5 anni e in particolare:

  • il numero medio nazionale di interruzioni per utente (livello uguale a 0,23; cioè inferiore ad una interruzione all’anno, “lunga” o “breve”, ogni quattro utenti connessi alla rete; le interruzioni sono distinte tra “lunghe” e “brevi” se superiori o inferiori rispettivamente a tre minuti);

  • il numero massimo di disalimentazione per ogni singolo cliente (fissato in 1 interruzione lunga e 3 interruzioni brevi per i clienti inseriti su rete magliata) e la durata massima (fissata a 100 minuti per i clienti inseriti su rete magliata);

  • l’energia non servita per disalimentazioni, pari a 550 MWh/anno (equivalenti a 1 minuto di disalimentazione all’anno di tutto il sistema in media). I livelli sopra indicati non comprendono gli eventuali “incidenti rilevanti”, cioè le interruzioni che comportano un livello di energia non servita superiore a 150 MWh e una durata superiore a 30 minuti; per questi “incidenti rilevanti” è previsto che Terna debba predisporre uno specifico rapporto all’Autorità.

Le società di distribuzione dell'energia, se rispettano gli standard, ricevono un incentivo. Se falliscono nel prestare il servizio per cui esistono, sono soggette a sanzioni di cui avevamo parlato lo scorso novembre su ecoblog.

  • shares
  • Mail