Batterie a zucchero biodegradabili

dolce energia: batterie a zuccheroLe batterie a zucchero durano 4 volte di più rispetto a quella a ioni di litio, sono biodegradabili e potreste ricaricarle con qualsiasi fonte di zucchero abbiate a disposizione: dalla bustina alla bibita. Sembra che le bibite gassate non siano particolarmente efficaci, meglio usare i succhi di frutta o gli sciroppi.

In pratica, gli enzimi che degradano lo zucchero sono concentrati in membrane di chitosano, che si estrae dall'esoscheletro dei crostacei. Le membrane compongono una cella in cui entrano aria e zucchero ed escono elettricità e acqua.

A studiarle e' stata Shelley Minteer dell'università di Saint Louis, con i soldi del dipartimento della difesa USA (che ovviamente vuole applicare questa tecnologia ai gadget dell'esercito).

La ricercatrice e' riuscita ad allungare la vita media degli enzimi coinvolti nel processo (fattore che aveva limitato l'efficienza di esperimenti simili, in passato) e a far funzionare una calcolatrice tascabile come dimostrazione, al congresso della American Chemical Society, con una batteria grande come un francobollo.

Dice che queste pile potrebbero arrivare sul mercato nel giro di 3 o 5 anni, ma lo aveva detto anche nel 2003...

» Sweet New Battery Runs on Sugar on LiveScience
» Le pile che digeriscono lo zucchero su LaStampa

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: