Il Grande Fratello dei bracconieri

braconieri filamti da telecamereQuattro bracconieri sono stati ripresi da telecamere nascoste mentre catturavano illegalmente con le reti tordi e frisoni, e li uccidevano sul posto, schiacciandoli con le mani e comprimendone la testa con i denti.

Il fatto avveniva a Cittanova (Reggio Calabria) e i quattro sono sono stati denunciati per furto aggravato, uccellagione e maltrattamento di animali. I bracconieri avevano abbattuto (illegalmente) centinaia di alberi di alto fusto e realizzato delle enormi palizzate, ancorate ad alberi di sughera o leccio. Dopo aver rimosso i sigilli apposti dai Carabinieri, catturavano gli uccelli con grandi reti montate su lunghe canne azionate a mano, soprattutto all'alba e al tramonto.

Carabinieri e Lipu hanno nascosto delle microtelecamere tra gli alberi, con cui hanno ripreso tutte le fasi dell'attività illegale degli uccellatori: montaggio delle reti; attesa con le lunghe canne appoggiate alle ginocchia; cattura e uccisione degli uccelli.
La Lipu chiederà alla Procura della Repubblica, tramite l'Osservatorio sui crimini ambientali del Ministero dell'Ambiente, di poter demolire le strutture abusive realizzate dai bracconieri, per riportare nei boschi il rispetto della legge e impedire così che altri uccelli vengano catturati illegalmente.

Via | Il Giornale di Calabria

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: