Seguici su

Carburanti

Governo USA: i biocarburanti si faranno senza mais



Clay Sell, vice-ministro dell’energia americano ha dichiarato: “Il futuro dei biocarburanti non si basa sul mais”.

Oggi lo stra-sovvenzionato etanolo made in USA viene quasi tutto dalle pannocchie, cosa che ha causato aumenti vertiginosi del prezzo del mais (+100% nel 2006) e dei campi coltivabili (+15% all’anno). A rimetterci non sono solo i messicani, che tradizionalmente usano il mais per preparare le tortillas, ma anche gli allevatori di animali americani. Dato che la produzione statunitense di etanolo dovrebbe aumentare di circa 2,4 miliardi di galloni fra il 2007 ed il 2008, le proteste cominciano a farsi sentire.

Forse per calmare gli animi, Sell ha dichiarato che in futuro si useranno biocarburanti non provenienti dal mais. Uno è l’etanolo cellulosico, ottenuto grazie a microbi che separano gli zuccheri contenuti nelle particelle legnose di colture non commestibili e fanno poi fermentare gli zuccheri fino a che non diventano carburante. Un altro è il biobutanolo, che si può ottenere sia dal petrolio (!) che dalle biomasse.
Sell è convinto che questi nuovi biocarburanti – disponibili fra una decina d’anni – aiuteranno a tagliare i gas serra. Il vice-ministro ha anche affermato che al momento questi carburanti sono molto più costosi del normale etanolo, ma che la ricerca troverà soluzioni capaci di abbattere i costi.
Non solo, per Sell l’Amministrazione Bush finanzierà anche ricerche utili per la riduzione del riscaldamento globale quali lo sviluppo del carbone pulito (!!).
Altri metodi di riduzione delle emissioni globali, come la borsa delle emissioni (che fissa tetti nazionali di emissioni di gas serra) sono invece considerati dal governo USA troppo dannosi per l’economia (con buona pace dell’ambiente).

A mio avviso, la cosa più sconvolgente di queste dichiarazioni è che l’attuale amministrazione americana sta pianificando investimenti in ricerca legata al vecchio motore a combustione interna con un orizzonte temporale di lungo termine (se la tecnologia è pronta fra dieci anni va poi sfruttata per almeno altri dieci anni…).
Mentre i giapponesi scommettono con enorme successo sugli ibridi e mentre si moltiplicano le imprese capaci di produrre auto elettriche con prestazioni simili a quelle delle auto a benzina, gli americani prevedono che fra vent’anni le nostre automobili saranno ancora stufe viaggianti!

[Matteo Razzanelli]

Via | Reuters

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa