Seguici su

Africa

In Congo è allarme deforestazione

Dopo l’allarme di ieri sullo stato di emergenza delle isole Galapagos eccone subito un altro: a rischio la foresta della Repubblica Democratica del Congo, la più grande al mondo dopo l’Amazzonia. A denunciarlo è Greenpeace che in un rapporto racconta lo scempio delle attività delle multinazionali del legno. Secondo lo studio dell’associazione 50 milioni di ettari di foresta pluviale in Africa Centrale sono già sotto il controllo delle multinazionali e un terzo di quest’area, circa 15 milioni, si trova in Congo, dove 100 contratti di taglio sono stati stipulati e numerose concessioni sono state rilasciate illegalmente.

Il prezzo da pagare in termini di emissioni di CO2 è altissimo: le previsioni sull’espansione dell’industria del legno nel Congo – si legge nel rapporto – lasciano intendere che questo paese rilascerà oltre 34,4 miliardi di tonnellate di CO2, una quantità equivalente a quella rilasciata dalla Gran Bretagna negli ultimi sessantanni. Ci sono poi le ripercussioni sociali visto che 40 milioni di cittadini dipendono da queste foreste, fonte di cibo, energia e altri prodotti diversi dal legno.

Nello studio Greenpeace analizza il ruolo della Banca Mondiale. Anche se nel 2002 l’organizzazione internazionale riuscì a convincere il governo del Congo ad una moratoria sulle concessioni forestali, solo poche aree vennero da allora veramente protette. Proprio un mese fa era stata denunciata la violazione dei divieti nella regione del lago Tumba, terra dei pigmei Twa e dei bantù. Per l’associazione la Banca Mondiale potrebbe fare di più, mentre diventa sempre più urgente un rafforzamento della moratoria e la cancellazione di tutti i contratti di taglio stipulati dal 2002.

E’ un peccato scrivere oggi questa notizia ricordando quanto scritto da Ecoblog sulle foreste del Congo un anno e mezzo fa. Il post parlava della moratoria sul taglio di 40 milioni di ettari di territorio approvata dalla Repubblica.

Via | “Il saccheggio delle foreste del Congo”, rapporto Greenpeace

Ultime novità

Animali11 anni ago

Galline ovaiole ancora in gabbia: l’Europa ci mette in mora

All'Italia con altri 19 paesi membri arriverà una bella letterina di messa in mora, ossia una consistente multa per non...

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban, qui giace il protocollo di Kyoto

COP17, una lapide per il protocollo di Kyoto?

EcoComunicazione11 anni ago

Ecogeo l’app della Regione Piemonte geolocalizza servizi per l’ambiente

Una nuova app della Regione Piemonte per iPhone permette di conoscere la localizzazione di ecocentri, punti per l'acqua pubblica, colonnine...

Clima11 anni ago

EEA, la hit delle 191 industrie che inquinano di più l’aria in Europa

L'Agenzia europea per l'Ambiente ha stilato la classifica delle 191 industrie pesanti che inquinano l'aria: tra le italiane al 18esimo...

Animali11 anni ago

Bravo Napolitano che nomina Jane Goodall Grande Ufficiale della Repubblica Italiana

la signora delle scimmie jane goodall è stata nominata grande ufficiale della repubblica italiana dal presidente giorgio napolitano

Associazioni11 anni ago

Durban, Greenpeace spedisce una cartolina a Clini dal caos climatico

Una cartolina a Clini dal caos climatico

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Politica11 anni ago

Sballati e compost-i: a Napoli testano la diminuzione degli imballaggi

riducono gli imballaggi a napoli diffondendo la lista di negozianti che vendono prodotti leggeri

Clima11 anni ago

Conferenza sul clima di Durban: si discute di Kyoto o di economia?

protocollo di kyoto e cambiamenti climatici a Durban, ma si discute anche di economia delle emissioni

Inquinamento11 anni ago

Regione Puglia: i rifiuti saranno bruciati da nuovi inceneritori

sei nuovi impianti per l'incenerimento in Puglia, la regione sembra abbandonare ogni progetto di raccolta differenziata e riciclo

Foto & video11 anni ago

Natale, luminarie a LED sugli Champs-Elysées alimentate dal fotovoltaico

Miracolo del risparmio energetico e estetico sugli Champs-Elysées a Parigi per le luminarie natalizie

Politica11 anni ago

A Bari le Cartoniadi e a Capannori la Tia personalizzata: guadagnare soldi dai rifiuti

i comuni si attrezzano per guadagnare soldi dai rifiuti, coinvolgendo i cittadini in un araccolta differenziata molto intensa